Vulcano SAL per l’Heer


L‘Esercito Tedesco (Heer) prevede di espandere la sua capacità di fuoco indiretto acquistando il munizionamento Vulcano SAL.

L’unica artiglieria convenzionale semovente impiegata dall’esercito tedesco è il Krauss-Maffei Wegmann (KMW) Panzerhaubitze (PzH) 2000 155/ 52 mm.

Di tale sistema di artiglieria semovente, un totale di 185 semoventi sono stati consegnati all’Heer dal 2002 dalla linea di produzione KMW.

 Alcuni di questi semoventi sono stati successivamente venduti alla Croazia (16) e alla Lituania (21) come aiuti militari tedeschi ai nuovi Paesi entrati nella NATO.

Caratteristiche del PzH 2000

Il sistema di caricamento automatico delle granate del PzH 2000 può gestire fino a 60 granate caricate nella parte posteriore del mezzo.

Il sistema di caricamento automatico comprende, insieme al “flick rammer”, un sistema di controllo digitale per la gestione del rifornimento delle granate anche un sistema di graduazione delle spolette per induzione. Tale sistema consente una celerità di tiro di tre colpi in meno di dieci secondi e lo stivaggio di 60 granate da parte di due serventi in meno di 12 minuti. LA celerità di tiro è pari a: tre colpi in meno di dieci secondi; otto-nove colpi in un minuto; 20 colpi in tre minuti. Se necessario, l’intera dotazione di 60 colpi può essere sparata con continuità senza interruzione del fuoco.

Il semovente impiega le cariche di lancio modulari DM 72 con gittate da 3 km fino a 30–40 km con munizionamento convenzionale.

Il sistema di artiglieria semovente trasporta un totale di 60 proiettili di artiglieria da 155 mm, ma pesa più di 55 tonnellate. Il notevole peso limita fortemente il dispiegamento per via aerea del PzH 2000 nonché le operazioni anfibie.

Gli attuali piani elaborati dall’Esercito Tedesco prevedono di sottoporre 108 PzH 2000 ad un programma di aggiornamento di mezza vita. Peraltro, allo stato attuale non si conoscono i dettagli precisi di questo programma MLU.

Programma Vulcano SAL

L’Esercito Tedesco intende acquistare nuove munizioni da 155 mm in grado di colpire bersagli a distanze più lunghe rispetto a quelle oggi impiegate. Il nuovo munizionamento includerà il proiettile a guida semi-attiva (SAL) Vulcano 155 mm, frutto dell’accordo siglato da Diehl Defence e Leonardo Finmeccanica, che consentirà ai reparti d’artiglieria di ingaggiare i bersagli distanti fino a 70 km dalla sorgente di fuoco.

I PzH 2000 dell’Esercito Italiano

Da notare che il PzH 2000 è in servizio con l’Esercito Italiano in 70 esemplari ordinati nel 2002 e consegnati tra il 2004 ed il 2008. Anche l’Esercito Italiano è interessato all’acquisto di munizionamento Vulcano sia in versione a gittata allungata sia in versione guidata per attacchi di precisione.

Gli attuali GIWS SMArt 155

Oggi l’unico proiettile di artiglieria di precisione da 155 mm impiegato dall’Heer è rappresentato dal GIWS SMArt 155. Quest’ordigno trasporta a due submunizioni con sensore infrarossi e radar ad onde millimetriche ed è pensato principalmente per compiti anticarro. Il GIWS è una joint venture tutta tedesca formata dai costruttori Diehl e Rheinmetall. Peraltro, si sta esaurendo la durata di conservazione di questi proiettili d’artiglieria e la produzione, secondo l’Esercito Tedesco, dovrebbe essere riattivata dal 2024 al 2027.

(Foto Tag der Bundeswehr, Leonardo)

(Tutti i diritti riservati)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *