Il sistema di atterraggio per l’F-35 su tutte le porterei e LHD americane


L’azienda americana Raytheon ha annunciato che questa settimana ha ricevuto dall’US Navy il contratto per la fornitura di 23 sistemi di atterraggio per l’F-35 o Joint Precision Approach and Landing System (JPALS)

Il contratto, dal costo di 234,6 milioni di dollari, prevede l’installazione del JPALS su tutte le portaerei e LHD in servizio presso l’US Navy.

Le consegne alla Marina inizieranno il prossimo anno con l’inizio dei lavori di installazione poco dopo. Entro agosto 2023 tutti e 23 i sistemi saranno installati

Il sistema utilizza il GPS della nave per guidare gli aerei fino a 200 miglia nautiche. L’accuratezza secondo Raytheon è di 20 centimetri, funziona ogni-tempo anche con mare forza cinque. Meglio dunque di un ILS civile di terza categoria.

Il JPALS è in grado di interfacciarsi con il sofisticato casco dell’F-35 fornendo direttamente davanti agli occhi del pilota il corretto sentiero di avvicinamento.

Il sistema è già montato, seppur in una versione prototipo, sulle navi da assalto anfibio Wasp e Essex.

La novità importante è che il JPALS può essere imbarcato anche su un C-130 e installato su piste semi-preparate.

Oltre all’F-35 anche il nuovo drone-tanker dell’US Navuy, l’MQ-25 Stingray, potrà utilizzarlo.

Video

Versione navale

Versione terrestre


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *