La Marina del Messico contro…le alghe


Risultati immagini per Seaweed invasion

La Marina del Messico deve affrontare un problema al quanto insolito che ha richiesto la costruzione di imbarcazioni progettate ad hoc.

Ogni anno migliaia di sargassi, un genere di alga appartenente alla classe delle “alghe brune”, si addensano lungo le coste del Messico creando non pochi problemi alla vocazione turistica del paese.

Negli ultimi anni il problema non ha fatto che peggiorare tanto che il Governo ha deciso di chiamare in causa la Marina.

The sargassum monitoring network's map
Rete di monitoraggio delle alghe utile per i turisti

Si parla di una massa di alghe lunga quasi 550 km che dalle coste africane, sfruttando la corrente, arrivano nel Mar dei Caraibi.

Per ovviare al problema, o almeno limitarlo, la Marina ha ordinato quattro mezzi appositamente costruiti per raccogliere l’infestante alga.

Nel dettaglio si tratta di piccoli catamarani dotati di una griglia in grado di separare le alghe dall’acqua di mare. Una gru consentirà di spostare il materiale dal catamarano ad una seconda nave che fungerà da deposito.

Lunghi 15 metri, larghi 5,4 e con un stazza massima di 40 tonnellate. Ogni imbarcazione costerà al contribuente messicano circa 783.500 dollari con la prima unità in consegna a ottobre.

Non sono mancate però le polemiche poiché data la vastità del problema quattro imbarcazioni non sarebbero in grado di arginare la situazione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *