I programmi di Bucarest bloccati


I programmi di ammodernamento delle Forze Armate di Bucarest sono sostanzialmente bloccati.

Infatti, anche nella seconda metà del 2019, il governo rumeno non ha ancora firmato alcun importante contratto di appalto di armi quest’anno. Se tale situazione dovesse persistere, la Romania rischia di non raggiungere l’obiettivo minimo di spesa per la difesa del PIL fissato dall’Organizzazione del Trattato nordatlantico (NATO).

Un rimpasto di leadership al vertice del Dipartimento degli Armamenti del Ministero della Difesa diversi mesi fa aveva lo scopo di accelerare il processo di approvvigionamento.Tuttavia, i principali programmi di acquisizione continuano a rimanere indietro o ad affrontare contenziosi legali.

Una notizia positiva è rappresentata dal contratto da 60 milioni di dollari firmato nel febbraio 2019, per l’acquisizione di nuovi missili anticarro Spike ER per elicotteri da cannone Puma SOCAT‎

Altra eccezione il contratto per la costituzione di una Joint Venture per la produzione di fucili d’assalto ARX-160 di Beretta in Romania.

Peraltro, i due principali programmi navali della Romania, per le nuove corvette e sistemi di difesa costiera, registrano notevoli ritardi. ‎

Nuovi caccia F-16 AM/BM ex portoghesi

‎In questo clima desolante, il parlamento rumeno ha approvato l’acquisizione di altri cinque caccia f-16 AM/BM multiruolo dal Portogallo‎‎(Romania.europalibera.org‎‎, 3 luglio) e il governo di Lisbona ha dato il via libera alla transazione . Tali velivoli costano 143 milioni di dollari e completeranno lo squadrone esistente. Da notare che tale squadrone ora è certificato per intraprendere compiti di polizia aerea sotto il comando della NATO.

Come nota positiva, la Romania ha preso in consegna i primi elementi del sistema di difesa aerea e missilistica Patriot ordinato nel 2017.‎

Problemi per i Piranha V

‎Ritardi e problemi legali interessano alcuni dei programmi di acquisizione più promettenti e necessari gestiti dal Ministero della Difesa. Problemi tecnici relativi al sistema di comunicazione installato a bordo hanno impedito al Ministero della Difesa di prendere in consegna il primo lotto di Piranha V ruote blindate (APC) dal produttore degli Stati Uniti General Dynamics European Land GDELS)‎. Questo programma è importante sia in termini militari che industriali perché la Romania vuole produrre questo veicolo a livello locale. Ventotto APC, su un ordine iniziale di 36, sono già stati fabbricati. I veicoli sono destinati a equipaggiare la componente rumena della Brigata Multinazionale della NATO Sud Est. Il Ministro della Difesa Gabriel ‎‎ ‎‎Leo‎‎ ‎‎ ha dichiarato che imporrà sanzioni a GDELS per non aver consegnato i veicoli in tempo.‎

Contenzioso legale sui nuovi autocarri

‎Una gara d’appalto per l’acquisizione di circa 3.000 autocarri (su un requisito di 12.000) deve ripartire dopo che‎‎ ‎‎Rheinmettal‎‎ ‎‎ha contestato con successo il processo di acquisizione in tribunale‎‎(Adev’rul‎‎, 14 gennaio). L’impresa tedesca ha affermato che l’appalto è stato inclinato a favore del suo concorrente italiano, Iveco‎‎(G4Media.ro,‎‎14 gennaio). Questa acquisizione è fondamentale perché rappresenta il primo passo per sostituire l’invecchiamento dei camion militari delle forze armate rumene, e avrà un impatto positivo sull’industria automobilistica locale facendo rivivere la produzione di autocarri sia militari che civili. ‎

Nuovo veicolo blindato da trasporto con capacità anfibie

‎I piani per procurarsi un secondo tipo di veicolo da trasporto con capacità anfibie sono stati rimandati. Originariamente, un progetto locale, l’Agilis ‎‎ ‎APC, doveva essere selezionato e prodotto in collaborazione con ‎‎ ‎‎Rheinmetall.‎‎ Invece, ci sono negoziati in corso tra i rappresentanti dell’industria della difesa rumena con GDELS per produrre una versione anfibia della Piranha IV presso lo ‎‎ stabilimento‎‎ ‎‎di Automecanica‎‎ ‎‎Moreni‎‎. ‎‎

Interesse per l’IFV Puma

‎‎Inoltre, è stato rivelato che la Romania è interessata ad acquisire urgentemente 173 Puma Infantry Fighting Vehicles (IFV)‎. Sono in corso colloqui con ‎‎ ‎‎Rheinmetall‎‎ ‎‎ per l’acquisizione dei veicoli e la potenziale integrazione con l’industria della difesa rumena. Inoltre, sono in fase di sviluppo piani per affittare un battaglione di carri leopardi Leopard II dall’Agenzia europea per la difesa. Anche tale programma avanza molto lentamente.‎

Programmi navali in alto mare

‎La Marina della Romania è stata la più colpita dai ritardi e dai contenziosi relativi ai programmi di acquisizione.‎‎ ‎‎Il 3 luglio, dopo un lungo e controverso processo di acquisizione, il Ministero della Difesa ha annunciato il vincitore della gara per le corvette. Infatti, il consorzio tra Naval Group e il cantiere rumeno‎‎ ‎‎Elevia‎‎ ‎‎Navale‎‎ ‎‎Costanza‎‎ ‎‎(SNC) è stato selezionato per costruire localmente quattro‎‎ corvette multiruolo Gowind 2500 (‎‎Digi24.ro‎‎, 3 luglio). Ma il cantiere navale domestico Damen Shipyards ‎‎ ‎‎Galai‎‎, ‎‎che presentava la corvetta classe‎‎ Sigma, ha contestato la ‎‎decisione del ‎‎MoD ‎‎rumeno in ‎‎tribunale. Pertanto, sono in corso revisioni giudiziarie e amministrative del processo di acquisizione. ‎

‎Anche i piani per l’acquisizione di nuovi sistemi di difesa costiera sono stati ritardati. Nonostante il programma sia stato lanciato nel 2018, nessun contratto è stato ancora firmato. Quattro società avevano inizialmente espresso interesse per la concorrenza per i contratti: Boeing, MBDA, Kongsberg e Saab, ma solo Kongsberg e MBDA‎‎ ‎‎hanno effettivamente presentato offerte. Tuttavia, l’offerta di Kongsberg è stata rifiutata, presumibilmente a causa della piccola testata di guerra del suo missile anti-nave NSM‎. Solo l’offerta di MBDA, basata su una versione lanciata ‎‎a terra del suo missile anti-nave MM 40 ‎‎Exocet‎‎ ‎‎ Block 3, è rimasta in competizione; ma i negoziati sembrano bloccati ‎‎(Newsweek Romania‎‎ ‎‎ ‎) e non è stato ancora raggiunto alcun accordo.‎

Programmi apparentemente abbandonati

‎Se alcuni programmi soffrono di gravi ritardi o contenziosi, altri sembrano essere stati messi nel dimenticatoio. Non si parla più dell’approvvigionamento di sistemi di difesa aerea a corto e cortissimo raggio(SHORAD/VSHORD), un programma del valore di 2,1 miliardi di dollari. Anche l’acquisizione di nuovi elicotteri di attacco e trasporto sembra essersi bloccata. La Repubblica Ceca ha recentemente acquisito otto Bell UH-1Y Venom e quattro elicotteri d’attacco AH-1 Viper dagli Stati Uniti ‎‎(Defenseromania.ro,‎‎22 agosto). Nel frattempo, la Romania ha schierato in Mali un distaccamento di quattro elicotteri Puma. Bucarest ha ripetutamente espresso interesse per la produzione e l’acquisizione di nuovi elicotteri militari. L’esempio ceco e gli insegnamenti tratti dal dispiegamento del Mali probabilmente influenzeranno e accelereranno qualsiasi decisione di appalto. ‎

Conclusioni

‎Il governo rumeno è sotto pressione per risolvere i problemi che interessano gli attuali programmi di approvvigionamento della difesa, mentre il lancio di nuovi. Tutto ciò minerà la credibilità di Bucarest come alleato della NATO e come fornitore di sicurezza nella regione del Mar Nero e nei Balcani.‎


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *