Il mortaio in occidente rinasce con le nuove tecnologie


Uso del mortaio da parte della fanteria e dell’artiglieria

In alcuni paesi il mortaio è sotto il diretto controllo dell’artiglieria che ha accesso ad una gamma molto più ampia di sistemi di acquisizione del bersaglio, inclusi ufficiali di osservazione in avanti (FOO), osservazione sonora, radar di localizzazione, veicoli aerei senza equipaggio (UAV), aeromobili ad ala fissa e/o rotante.

Tuttavia, nella maggior parte dei paesi, il mortaio è sotto il controllo del comandante di battaglione di fanteria come una sua “artiglieria tascabile”, con la compagnia di supporto al fuoco armata di mortai da 120 mm o da 81 mm e con mortai di calibro più piccolo, come i 60 mm, dispiegati ad un livello organico inferiore.

I mortai da 120 mm e 81 mm possono essere installate nella parte posteriore di veicolo da combattimento corazzato (MC – Mortar Carrier) o trasportate in una piattaforma non armata e smontata e quindi dispiegate a terra.

Tradizionalmente il mortaio in un MC ha un brandeggio limitata o montata su un base girevole a 360 gradi e viene orientato sul bersaglio usando un sistema di avvistamento convenzionale con informazioni sul bersaglio provenienti dal “mortar fire controller (MFC) – ufficiale osservatore”. Quest’ultimo oggi è normalmente dotato, non solo di un sistema di osservazione giorno/notte, ma anche di un telemetro laser e di un sistema di navigazione. Ciò consente l’acquisizione rapida del bersaglio e l’informazione che viene trasmessa alla squadra tiro tramite un collegamento dati sicuro.

Sviluppi tecnologici dei mortai montati su MC

I più recenti sistemi di mortai montati su veicoli hanno un sistema di brandeggio ed elevazione motorizzato, un sistema di navigazione e sono accoppiati a un sistema computerizzato di controllo del fuoco (FCS) che consente di posizionare rapidamente il mortaio sul bersaglio, eseguire una missione di fuoco e quindi spostarsi su di un’altra posizione prima essere rilevato e ingaggiato dalle forze nemiche.

Il primo cliente per il mortaio TDA 120 mm 120R 2M francese è stata la Malesia, che ha preso in consegna otto sistemi per l’installazione su veicoli cingolati FNSS ACV-19 (APC), seguita dall’Italia per l’installazione in una versione del VBM Freccia 8×8.

RUAG Defense ha ora completato lo sviluppo del suo ultimo sistema mortaio Cobra da 120 mm montato su piattaforma girevole a 360° asservita da un sistema elettrico che ne consente anche l’elevazione, un dispositivo di assistenza al caricamento e un FCS computerizzato.

Alcune dei più recenti mortai da 120 mm, come il sistema di mortaio avanzato Super Rapid (SRAMS) di Singapore ST Engineering Land Systems, hanno un dispositivo di assistenza al caricamento che porta la bomba di mortaio verso l’alto, la posiziona sopra la canna e rilascia la bomba di mortaio. La SRAMS da 120 mm è già impiegata da Singapore integrata nella parte posteriore dei veicoli fuoristrada corazzati Bronco della ST Engineering Land Systems e dagli Emirati Arabi Uniti (UAE) installati nella parte posteriore di una versione modificata dell’ormai Denel Land Systems RG31 Mk 5 (MRAP – 4×4) attraverso la compagnia degli Emirati Arabi Uniti International.

Sistemi di mortaio montati su torretta

Un’altra tendenza recente è lo sviluppo di sistemi di mortai da 120 mm montati in torretta. Uno dei primi fu il Royal Ordnance 120 mm Armored Mortar System (AMS), di cui 73 forniti alla Guardia Nazionale dell’Arabia Saudita (SANG) e installati sul General Dynamics Land Systems – Canada Light Armored Vehicle (LAV 8×8) piattaforma con una suite di munizioni da 120 mm fornita da MECAR.

L’esercito finlandese dispone di un lotto di 18 veicoli corazzati modulari (AMV 8×8) equipaggiati con il sistema avanzato Advanced Mortar System (AMOS) da 120 mm che originariamente era un programma di sviluppo congiunto tra Finlandia e Svezia.

Risultati immagini per amos 120mm mortar

Patria ha sviluppato una nuova canna da 120 mm New Mortar (NEMO), più leggera e compatta, che è stata fornita alla SANG in seguito alla Royal Ordnance 120 mm AMS. Gli Emirati Arabi Uniti hanno anche preso in consegna un lotto di NEMO da 120 mm per l’installazione su un’imbarcazione costiera e Patria ha partecipato allo sviluppo di una versione containerizzata completamente integrata che può essere trasportata o su un camion 8×8 o installata su una piattaforma navale. Più recentemente il NEMO da 120 mm è stato mostrato installato sull’ultimo Patria Armored Wheeled Vehicle (AWV 6×6).

BAE Systems Hagglunds ha recentemente iniziato la consegna all’esercito svedese di 40 piattaforme CV90 (IFV) dotate di una torretta armata con due mortai con caricamento manuale ed asservito da 120 mm, il sistema completo si chiama Mjolner (Hammer of Thor) e le consegne finali previste in il 2020.

Innovazioni nei sistemi di rinculo dei mortai

Recentemente sono stati sviluppati numerosi nuovi sistemi di mortai con nuovi sistemi di rinculo che consentono di montare mortai da 81 mm e 120 mm sul retro di piattaforme molto più leggere.

Un buon esempio è lo spagnolo Alakran 120 mm Light Mortar System (LMS) sviluppato dalle società spagnole Everis Aerospace and Defense e New Technologies Global Systems (NTGS) ed è già in servizio con un cliente esportatore che ha ordinato 100 sistemi.

Il mortaio si trova sul retro della piattaforma e viene abbassata a terra tramite un sistema elettromeccanico fino a quando la grande piastra non viene a contatto con il terreno per fornire una piattaforma di tiro più stabile. È accoppiato con un FCS computerizzato che consente di posizionare rapidamente il mortaio sul bersaglio. L’Alakran 120 mm LMS è stato anche integrato nella parte posteriore di un corazzato da trasporto blindato Bars 8 (4×4) per soddisfare i potenziali requisiti dell’Ucraina e questa versione trasporta 60 x 120 mm bombe da mortaio con le relative cariche e cariche associate.

Un altro sistema spagnolo è il sistema di mortaio integrato EXPAL (EIMOS) che viene commercializzato nelle versioni 60 mm e 81 mm montati su una piattaforma leggera come il veicolo tattico spagnolo ad alta mobilità URO VAMTAC (4×4).

Bombe a mortaio con guida di precisione

Tradizionalmente il ruolo del mortaio è di fornire fuoco di “soppressione” usando proiettili ad alto esplosivo, fumogeni e illuminanti, ma c’è anche una tendenza verso lo sviluppo e la messa in campo di bombe di mortaio con guida di precisione per consentire di colpire con successo e scarso rischio di danni collaterali obiettivi di alto valore.

General Dynamics ha presentato la sua prossima generazione di sistemi di bombe per mortaio a guida di precisione RCGM da 81 mm. Nel frattempo, Elbit ha vinto un contratto in aprile per fornire la sua munizione guidata di precisione, STYLET, a un paese sconosciuto nell’Asia-Pacifico.

Guardando al futuro: spara e fuggi

La rinascita del mortaio non sembra vicino alla fine, man mano che aumentano le richieste di maggiore mobilità e le capacità di “Shoot and Scoot”, l’acquisizione di nuovi sistemi di mortaio che offrono questo mix di manovrabilità e letalità sarà sotto i riflettori.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *