Il Next Generation Jammer Mid-Band di Raytheon completa il primo test di generazione di energia


Raytheon Company ha completato il primo test di volo di generazione di energia del Next Generation Jammer Mid-Band. La U.S. Navy utilizzerà i dati di prova per decidere l’autorizzazione alla aeronavigabilità del NGJ-MB sul EA-18G Growler nella primavera del 2020.‎

Impressione artistica del NGJM-B su un EA-18G Growler

‎Raytheon ha condotto i tre test di volo a bordo di un jet commerciale Calspan per valutare il sistema di generazione di energia del jammer, noto come generatore di turbine ad aria. I test si sono svolti presso l’aeroporto Niagara Falls di ‎‎New York.‎‎ Il generatore raccoglie l’aria dal flusso d’aria che fa girare una turbina creando elettricità. Questo consente al NGJ-MB di disturbare i radar e le comunicazioni nemiche. ‎

NGJ pod_wu_resize
Il pod jammer NGJM-B

‎”Questa è la prima volta che il pod ha generato la propria potenza al di fuori di un laboratorio,” ha detto Ernest Winston, senior manager di Electronic Warfare Systems. “I test futuri verificheranno che la potenza sia sufficiente per consentire a NGJ-MB di migliorare significativamente la portata, attaccare più obiettivi contemporaneamente ed eseguire attività di disturbo avanzate.”‎

Più potenza energetica per il jammer

‎Il generatore di turbine ad aria NGJM-B di Raytheon è progettato per dare al Growler più potenza di quanto abbia mai avuto prima per attività di disturbo a livelli senza precedenti. La sua architettura aperta e il design permettono di ‎‎ aggiornare rapidamente l’hardware e il software del sistema‎.

Inoltre, ha capacità di combinare sistemi offensivi e difensivi per garantire la sicurezza agli equipaggi.

‎In più i kit di modifica sul campo possono consentire una varietà di missioni per NGJM-B, incluse le comunicazioni e le operazioni di informazione.

Tecnologia AESA

Con il pod jammer a bordo, i piloti del Growler possono identificare e sconfiggere rapidamente segnali ostili in ambienti a spettro elettromagnetico altamente contestati. Il cuore del pod è il suo sistema array a scansione elettronica, o AESA, che irradia energia ad alto disturbo energetico per spegnere i segnali e disturbare trasmissioni ostili.‎

NGJ MB utilizza una tecnologia di antenna AESA agile ed un back-end completamente digitale. E’ basato su tecnologia digitale con software incorporato nel design, che aumenta la capacità di disturbo. Questo consente di puntare rapidamente il fascio sulla minaccia ed inibirla grazie alla modulazione avanzata del jammer. ‎


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet