Approvato l’ammodernamento degli F-15J


‎Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha approvato la possibile vendita di un programma da 4,5 miliardi di dollari di aggiornamento di 98 dei caccia F-15J giapponesi alla configurazione Super Interceptor.

Il programma sarà gestito tramite i canali FMS (Foreign Military Sale)

F-15J

‎Infatti, il Giappone ha richiesto l’aggiornamento fino a 98 dei suoi jet F-15J, costruiti in 213 esemplari su licenza dalla Mitsubishi Heavy Industries (MHI) nelle versioni J e DJ. Su questi velivoli sono stati installati sistemi elettronici di produzione nazionale che li differenziano da quelli statunitensi.

Il pacchetto di ammodernamento

Gli aggiornamenti includono il radar APG-82(v)1 Active Electronically Scanned Array (AESA), il computer di missione Advanced Display Core Processor II (ADCP II) e l’ALQ-239 Digital Electronic Warfare Systems.‎

Saranno acquistati fino a 103 radar APG-82(v)1, 116 Advanced Display Core Processor II (ADCP II) e 110 ALQ-239 Digital Electronic Warfare Systems.

‎Il radar AN/APG-82(V)1, già noto come AN/APG-63(V)4, sta diventando lo standard sugli F-15E Strike Eagles della U.S. Air Force. Tale apparato AESA sarà installato anche sul prossimo F-15X destinato ad entrare in linea con l’USAF. Peraltro, anche Israele ha selezionato l’AN/APG-82(V)1 come parte del programma‎ di ammodernamento per la sua variante F-15I Ra’am ed è un’opzione standard le per nuove varianti ‎‎Advanced‎.‎

Le forniture correlate

‎Inoltre, l’aggiornamento comprende anche il Joint Mission Planning System, il Selective Availability Anti-spoofing Module, la radio ARC-210, l’integrazione con gli armamenti. Il pacchetto approvato comprende anche il supporto per i test, nonché dispositivi di addestramento e formazione. E’ prevista la fornitura di ‎fornitura e supporto del software; parti di ricambio e riparazione; apparecchiature di comunicazione; strutture e sostegno alle costruzioni; pubblicazioni e documentazione tecnica; servizi di supporto tecnico e logistico; studi e indagini; e altri elementi correlati di supporto logistico e del programma.‎

Ovviamente, il primo contractor dell’appalto sarà la Boeing con la MHI che sarà parte attiva nella gestione del programma di ammodernamento.

Foto Kōkū Jieitai


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *