Incendio sulla portaerei russa Admiral Kuznestov, 3 dispersi


Image

Non sembrano finire i problemi per l’unica portaerei in servizio nella Marina russa, la Admiral Kuznestov.

Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa un incendio sarebbe scoppiato sulla portaerei russa durante dei lavori di manutenzione nel porto di Murmansk, nel nord della Russia.

L’incidente ha provocato il ferimento di sei persone mentre due sono al momento disperse. L’incendio, sviluppato in seguito ad operazioni di saldatura, avrebbe interessato circa 600 metri quadrati di superficie. La zona interessate è quella della prima sala macchine. I pompieri stanno cercando di domare le fiamme ma le operazioni di spegnimento sono ostacolate dal fumo e dai cavi elettrici che continuano a bruciare. Uno dei lavoratori contusi ha riportato un trauma cranico mentre per gli altri, ricoverata in terapia intensiva, si parla di intossicazione.

Al momento dell’incendio erano a bordo oltre 400 persone tra equipaggio e personale civile addetto ai lavori.

Image
Foto: TASS

Aleksey Rakhmanov, a capo della azienda statale che sta eseguendo i lavori, ha affermato che la causa dell’incendio molto probabilmente è da attribuire ad un “errore umano”

Al momento non è certa l’entità del danno sia in termini economici sia quanto saranno rallentati i lavori di riparazione. La sostituzione dei motori era una delle componenti fondamentali dell’aggiornamento.

Un grave incidente era avvenuto nel 2018…

Risultati immagini per admiral kuznetsov crane

Nell’ottobre del 2018, mentre la nave era in bacino di carenaggio, una gru è crollata sul ponte di volo. Un blackout elettrico avrebbe interessato il bacino di carenaggio, uno dei pochi compatibile con la Kuznestov, facendolo sbandare. L’eccessiva inclinazione raggiunta ha determinato la caduta sul ponte di volo di una gru provocando la morte di due operai mentre il bacino è semi-affondato.

Siria

Nel suo ultimo rischiaramento operativo prima di andare ai lavori la portaerei è stata impiegata a supporto delle missioni in Siria. Durante le operazioni si è registrata la perdita di due velivoli a causa della rottura dei cavi di arresto in tre settimane di missione.

Nota: la foto precedentemente in copertina si riferiva ad un altro evento. E’ stata sostituita con una pertinente.

Twitter


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet