La Cina amplia le opzioni di sfruttamento del cyberspazio / cyber warfare


La Cina è pronta a utilizzare le sue crescenti capacità informatiche per lo spionaggio industriale, le controversie transnazionali, la difesa nazionale e come supporto alle operazioni militari con l’Esercito di Liberazione popolare (PLA) in rapida modernizzazione e la sua crescente capacità di sfruttare il cyberspazio per compensare i tradizionali vantaggi dei rivali.

Il PLA ha costantemente sostenuto la cyber warfare per raggiungere una serie di obiettivi operativi, come colpire il comando, il controllo e le comunicazioni (C3) e le reti logistiche di un avversario, per ostacolare la sua capacità di generare potere di combattimento durante le prime fasi di un conflitto armato. Allo stesso tempo, le sue capacità di guerra cibernetica possono anche essere utilizzate per raccogliere informazioni o servire come moltiplicatore di forza se abbinato ad attacchi cinetici convenzionali.

La documentazione cinese suggerisce che le operazioni informatiche consentirebbero al PLA di gestire l’escalation di un conflitto perché gli attacchi informatici sono un deterrente a basso costo che consentono di essere “tailored and sized” per raggiungere le condizioni desiderate con un costo strategico minimo.

Le crescenti capacità di guerra informatica del PLA hanno attirato l’attenzione di tutto il Mondo tanto che si e potuto assurgere ad una responsabilità specifica, a determinate persone e località associate al 2 ° Ufficio di Presidenza del 3 ° Dipartimento dello Staff Generale del PLA, noto anche come Unità 61398. Quindi, il PLA, si sta preparando per lo “scontro di informazioni” e sta cercando di “integrare tutti gli elementi della guerra dell’informazione, elettronici e non elettronici, offensivi e difensivi, sotto un’unica autorità di comando”.

Forza di supporto strategica(Strategic Support Force)

Nel dicembre 2015, nell’ambito di più ampie riforme di modernizzazione. il PLA ha istituito la Forza di sostegno strategico (PLASSF). Sebbene gran parte delle sue competenze e attività rimangano coperte dal segreto, si ritiene che questa nuova forza sia responsabile per la facilitazione dell’integrazione delle capacità di guerra dello spazio, del cyberspazio e elettromagnetico (EM) dello PLA. Si ritiene che il PLASSF comprenda diverse divisioni. Queste includono lo Space Systems Department, che fornisce supporto e informazioni per i nuovi comandi di teatro del PLA e consentirebbe future operazioni congiunte e proiezioni di potenza. Al contrario, il Network Systems Department è responsabile della gestione delle capacità di guerra informatica, elettronica e psicologica.

Nel consolidare la cyber defense e altri elementi relativi alla guerra dell’informazione, il PLASSF sta generando sinergie, combinando le capacità di ricognizione, attacco e difesa informatica a livello nazionale. “Le moderne infrastrutture militari occidentali dipendono da una spina dorsale di comunicazione che supporta gli occhi, le orecchie e il comando e il controllo operativi fondamentali per supportare le risorse in teatro … sarà, quindi, considerata un obiettivo militare legittimo da qualsiasi avversario”, ha detto una fonte industriale, rilevando che lo stretto rapporto del PLA con le principali società di telecomunicazioni cinesi fornisce una via per penetrazioni sponsorizzate dallo stato delle catene di approvvigionamento per la microelettronica a supporto dei governi occidentali e delle industrie commerciali.

Integrazione civile-militare

Le capacità militari cinesi di guerra informatica sono sempre più aumentate da una crescente dimensione civile. La forte associazione civile-militare del potere militare cinese può essere fatta risalire ai primi giorni della guerra civile cinese e manifestata nella dottrina della “Guerra popolare” di Mao Zedong. In articoli più recenti, il PLA ha affermato che “la cooperazione tra guerra regolare e guerra irregolare sottolinea che dovremmo dare il pieno gioco alla creatività delle masse …” e che nel campo dello sviluppo cibernetico civile-militare c’è un imperativo per “i militari al servizio del popolo e il popolo a preparare i militari”.

Nel gennaio 2017 è stata istituita la Commissione centrale per lo sviluppo militare e civile integrato, con l’integrazione cyber civile-militare identificata dal presidente Xi Jinping come una delle missioni principali del nuovo centro. Sotto l’istruzione della commissione, il “centro di innovazione per la cyber security”, incaricato di rafforzare la cooperazione del settore privato per “aiutare i militari a vincere le future guerre cibernetiche”. Il centro è gestito dalla 360 Enterprise Security Group, una delle principali società cinesi di sicurezza informatica.

Inoltre, la Cyberspace Administration of China (CAC) ha pubblicato un documento politico che evidenziava il pensiero di Xi e del partito sul cyberspazio. Il documento delineava una direttiva atta a ” promuovere lo sviluppo approfondito dell’integrazione militare-civile per la sicurezza informatica e l’informatizzazione ed ha fornito istruzioni per attuare sistemi di integrazione civile-militare, progetti di sicurezza informatica e politiche di innovazione. Il PLA ha risposto a tali richieste avanzando le sue partnership con il settore civile, come i giganti delle telecomunicazioni Huawei e ZTE  ed approfondito gli impegni con le università.

Milizie informatiche

Le cyber milizie affiliate allo stato sono state uno dei prodotti più chiari degli sforzi di sviluppo civile-militare, con una base di appartenenza che si ritiene rappresenti oggi oltre 10 milioni di persone, poiché queste organizzazioni sono emerse circa 20 anni fa. Consapevoli del fatto che tali milizie potrebbero minare il lavoro delle normali unità informatiche del PLA se venisse affidato loro il compito di operare come desideravano, è probabile che queste organizzazioni siano state incaricate di eseguire la cyber sorveglianza e lo spionaggio in contrapposizione alle operazioni cyber offensive. Tuttavia, la continua integrazione formale di questi hacker in organizzazioni militari come l’SSF significherà che il PLA e lo Stato Cinese perderanno presto la loro capacità di avere una negabilità plausibile quando le operazioni di questi hacker sono scoperte da altri Stati.

Ulteriore evoluzione

Infine, la Cina prevede di sfruttare la sua crescente padronanza delle tecnologie di intelligenza artificiale (AI) per potenziare le sue capacità di difesa informatica ed offensive. Il Partito Comunista Cinese ha delineato tre fasi per lo sviluppo dell’IA indigena, la prima volta a rafforzare la capacità di supportare la crescita di un’industria dell’IA competitiva a livello globale entro il 2020. La seconda fase delinea lo sviluppo al 2025 con “importanti innovazioni” nelle tecnologie e applicazioni dell’IA. La terza indica che, entro il 2030, la Cina dovrà affermarsi come leader globale delle tecnologie di intelligenza artificiale, che sarà pienamente integrate in tutti i suoi settori industriali, compresa la costruzione della difesa nazionale, in cui l’IA costituirà la base di sviluppi, sistemi e capacità militari chiave.

Le enormi quantità di dati e la velocità degli attacchi informatici richiedono un grado di potere cognitivo e di agilità che vada oltre ciò che possono fornire gli attori umani che lavorano in isolamento. I leader militari cinesi sono pienamente consapevoli del potenziale dell’IA di aumentare l’efficacia del proprio personale e persino dei sistemi elaborando e filtrando le informazioni, consentendo loro di adattarsi ad ambienti operativi in ​​rapida evoluzione. Ad esempio, l’IA è vista come uno strumento per automatizzare i processi che regolano gli attacchi informatici, alleviando potenzialmente il compromesso esistente tra la portata e l’efficacia degli attacchi.

Per la difesa informatica, il supporto dell’IA potrebbe aumentare in modo significativo la velocità di reazione utilizzando funzionalità predittive che consentono di estrarre e sfruttare i dati storici e in tempo reale con eccezionale rapidità. A tal fine, la Cina investe pesantemente nel settore delle tecnologie informatiche all’avanguardia, come il calcolo quantistico. Inoltre, Pechino opera con successo nel campo delle tecnologie informatiche per la sicurezza pubblica, come il riconoscimento facciale e la sorveglianza dei cittadini, nonché il monitoraggio di veicoli e smartphone.

Anche altre capacità difensive hanno iniziato a maturare, fornendo una maggiore capacità di resistenza agli attacchi esterni dei suoi rivali occidentali. Uno di questi esempi è la China National Cyber ​​Threat Intelligence Collaboration (CNTIC) fondata nel 2017.

Fonti: Now the end begins; Security affairs; Breaking defense; Analisidifesa; The global observatory; Asian Military Review; eng.mod.gov.cn


2 pensieri riguardo “La Cina amplia le opzioni di sfruttamento del cyberspazio / cyber warfare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet