Israele vuole acquistare otto Boeing KC-46A Pegasus


Il Dipartimento di Stato ha deciso di approvare una possibile vendita per Israele di un massimo di otto velivoli Boeing KC-46 Pegasus e relative apparecchiature. Il costo stimato è di 2,4 miliardi di dollari e la vendita avverrà tramite i canali FMS.

La DSCA, Defense Security Cooperation Agency, ha rilasciato la certificazione richiesta che notifica al Congresso questa possibile vendita per l’approvazione.

Richieste israeliane

Tel Aviv ha richiesto di acquistare fino a otto velivoli KC-46 con diciassette motori turbofan PW4062 e diciotto ricevitori MAGR 2K-GPS SAASM. Inoltre, sono incluse radio AN /ARC-210 U/VHF, transponder di identificazione IFF APX-119. Previste parti di rispetto iniziali e di riparazione, materiali di consumo, attrezzature di supporto, dati tecnici, proposte di modifica tecnica, pubblicazioni.

La proposta di vendita comprende anche rappresentanti dell’assistenza sul campo (FSR), l’attività di riparazione e restituzione, manutenzione dei depositi. Previste anche attrezzature di addestramento, servizi di personale tecnico e logistico degli appaltatori, supporto dei rappresentanti del governo e degli appaltatori statunitensi. Infine, il contratto comprende installazione dei Gruppi A e B per sottosistemi, prove di volo e certificazione, altri elementi correlati di supporto logistico e addestramento.

Prospettive ed interessi statunitensi

Gli Stati Uniti sono impegnati nella sicurezza di Israele. Pertanto è vitale per gli interessi degli Stati Uniti aiutare Israele a sviluppare e mantenere una forte e pronta capacità di autodifesa. La vendita proposta è coerente con tali obiettivi e supporta ulteriormente la politica estera e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Infatti, consente ad Israele di fornire una capacità ridondante alle risorse statunitensi all’interno della regione. Questo consentirà di liberare risorse statunitensi da utilizzare altrove durante i periodi di crisi.

Il rifornimento aereo e il ponte aereo strategico sono costantemente citati come carenze significative dagli Israeliani. Inoltre, la vendita migliora la posizione di sicurezza nazionale di Israele come alleato chiave degli Stati Uniti. Per il Dipartimento di Stato Statunitense Israele non avrà difficoltà ad inserire i nuovi velivoli cisterna nelle IDF. Secondo Washington questa fornitura non modificherà l’equilibrio militare nella regione.

Le ditte interessate

I principali appaltatori saranno Boeing Corporation, Everett, WA, per l’aeromobile; e Raytheon Company, Waltham, MA, per il MAGR 2K. Non sono noti accordi di compensazione proposti in relazione a questa potenziale vendita.

L’implementazione di questa proposta di vendita richiederà l’assegnazione di due rappresentanti di servizi/ appaltatori statunitensi in Israele.

Foto Boeing


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet