Test del Common -Hypersonic Glide Body statunitense


Il Dipartimento della Difesa ha testato con successo un Common – Hypersonic Glide Body in un esperimento di volo condotto dalla Pacific Missile Range Facility, Kauai alle Hawaii il 19 marzo alle 22:30 circa ora locale.

A nighttime missile launch with black sky and white smoke surrounding the missile.

L‘US Navy e l’US Army hanno eseguito congiuntamente il lancio di un Common – Hypersonic Glide Body (C-HGB), che ha volato a velocità ipersonica verso un punto di impatto designato.

Allo stesso tempo, la Missile Defence Agency (MDA) ha monitorato e raccolto i dati di tracciamento dell’esperimento di volo che guideranno il continuo sviluppo di sistemi progettati per difendersi dalle armi ostili avversarie.

Le informazioni raccolte da questo e dai futuri esperimenti guideranno ulteriormente lo sviluppo della tecnologia ipersonica del DOD, e questo evento rappresenta una pietra miliare verso l’obiettivo del Dipartimento di mettere in campo le capacità di combattimento ipersonico nella prima metà del 2020.

“Questo test si basa sul successo che abbiamo avuto con Flight Experiment 1 nell’ottobre 2017, in cui il nostro C-HGB ha raggiunto una planata ipersonica sostenuta alle nostre distanze target“, ha dichiarato il Vice Amministratore Johnny R. Wolfe, Direttore dei Programmi strategici dei sistemi della Marina, il lead designer per il C-HGB. ” In questo test abbiamo sottoposto il sistema ad ulteriori stress che è stato in grado di gestirli tutti, grazie alla fenomenale competenza del nostro team di prim’ordine, da tutto il governo, l’industria e il mondo accademico. Oggi abbiamo convalidato il nostro design e ora siamo pronti per passare alla fase successiva verso il campo di una capacità di attacco ipersonico. ”

Le armi ipersoniche, in grado di volare a una velocità superiore a cinque volte la velocità del suono (Mach 5), sono altamente manovrabili e operano a diverse altitudini. Ciò fornisce la capacità di colpire bersagli a centinaia e, persino, migliaia di miglia di distanza, in pochi minuti, per sconfiggere una vasta gamma di bersagli di alto valore. Fornire armi ipersoniche è una delle massime priorità di ricerca tecnica e ingegneria del Dipartimento.

Questo test è stato un passo fondamentale nel fornire rapidamente capacità operative ipersoniche ai nostri militari a sostegno della strategia di difesa nazionale (National Defense Strategy)”, ha dichiarato LTG L. Neil Thurgood, Direttore della Hypersonics, Directed Energy, Space and Rapid Acquisition , il cui ufficio sta guidando il programma di armi ipersoniche a lungo raggio dell’esercito e la produzione congiunta del C-HGB. “Abbiamo eseguito con successo una missione coerente con il modo in cui possiamo applicare questa capacità in futuro. Il team congiunto ha svolto un lavoro straordinario nell’esecuzione di questo test e continueremo a muoverci in modo aggressivo per portare i prototipi sul campo“.

Il C-HGB – quando completamente schierato – comprenderà la testata convenzionale dell’arma, il sistema di guida, i cablaggi e lo scudo di protezione termica. La Marina e l’Esercito stanno lavorando a stretto contatto con l’industria per sviluppare il C-HGB con la Marina come capo progettista e l’Esercito come capo per la produzioneOgni servizio utilizzerà il C-HGB, mentre sviluppa sistemi d’arma e lanciatori individuali su misura per il lancio dal mare o dalla terra.

Le somiglianze nella progettazione di armi ipersoniche per le varianti marittime e terrestri forniscono economie di scala per la produzione futura mentre costruiamo la base industriale ipersonica degli Stati Uniti.

“I sistemi ipersonici offrono capacità trasformative di lotta alla guerra“, ha dichiarato Mike White, Assistente Direttore, Hypersonics, OUSD Research and Engineering (Modernization) “Il corpo di planata testato oggi è ora pronto per la transizione agli sforzi di sviluppo del sistema di armamenti dell’esercito e della Marina ed è una delle numerose applicazioni della tecnologia ipersonica in corso in tutto il Dipartimento. Queste capacità aiutano a garantire che i nostri militari manterranno il dominio sul campo di battaglia necessario per scoraggiare, e se necessario, sconfiggere qualsiasi avversario futuro.

Inoltre, l’MDA sta lavorando a stretto contatto con l’Esercito e la Marina nella condivisione di dati che guideranno il loro sviluppo di capacità avanzate per una difesa ipersonica a strati per supportare le esigenze militari e battere la minaccia avversaria.

Fonte e foto Department of Defense


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet