In Israele esercitazione congiunta per gli F-35 della IAF e dell’USAF


Ieri (domenica), si è conclusa l’esercitazione “Enduring Lightningnel sud di Israeleaddestramento congiunto tra gli F-35I “Adir” dello squadrone 140 della IAF (“Golden Eagle”) con gli F-35 del 34th Fighter Squadron dell’USAF.

Immagine

Anche il 122 Squadron della IAF (“Nahshon”), che gestisce il Gulfstream G-500 Control Aircraft “Nahshon” , ha partecipato all’esercitazione, durante la quale le squadre hanno affrontato varie minacce aeree e terrestri con aerei avanzati di quinta generazione.

Partner Numero Uno

Questa è la terza volta che gli F-35I”Adir” si addestrano con F-35 stranieri. Nel giugno del 2019 si è svolta l’esercitazione congiunta “Tri-Lightning” con IAF, l’USAF e Royal Air Force. Inoltre, nel novembre del 2019, l’esercitazione internazionale “Blue Flag” ha ospitato gli F-35 italiani, e come dichiarato, questa settimana, l’aereo “Adir” della IAF si è addestrato insieme alla sua controparte americana. La aspetto interessante è che, per la prima volta, gli aerei statunitensi F-35 hanno partecipato ad un’esercitazione congiunta sopra i cieli israeliani.

Immagine

Gli Statunitensi sono il nostro partner numero uno“, ha dichiarato il Maggiore T, capo del dipartimento Esercitazioni internazionali della IAF. “Vedo grande importanza nel cooperare sul piano più avanzato della nostra linea di combattimento con noi come ospiti. La IAF ritiene importante collaborare con gli Statunitensi, leaders del progetto F-35, vedere come operano, imparare da loro e rafforzare la cooperazione nel campo della tecnologia aeronautica all’avanguardia“.

Il Maggior M., leader dell’esercitazione per conto dello Squadron 140, aggiunge: “Questa è stata la seconda volta che abbiamo volato a fianco di un F-35 americano. Aspiriamo a rimanere il più possibile connessi ai paesi coinvolti nel suo progetto di sviluppo, e la formazione con gli americani rappresenta un’ottima opportunità per farlo poiché hanno moltissime conoscenze e competenze in materia. L’esercitazione che abbiamo condotto è stata molto stretta. Le forze volavano in due formazioni di quattro velivoli, e comunicavano direttamente attraverso un canale indiretto“.

Esercitazioni congiunte in Israele

L’esercitazione si è svolta esclusivamente nell’aria, senza incontri faccia a faccia tra squadre israeliane e americane. Inoltre, i debriefing e i briefing sono stati condotti utilizzando dispositivi di comunicazione classificati, il tutto a causa dell’epidemia mondiale di COVID-19.Durante questi periodi, tenere questo esercizio di formazione internazionale con le piattaforme di volo più avanzate del mondo, pur affrontando limitazioni – non dovrebbe essere dato per scontato“, descrive il Maggiore T.

Intendiamo creare un modello di esercitazione in modo che alla fine diventi routine“, spiega il Maggiore T. “In altre parole, aspiriamo ad allenarci come abbiamo fatto ieri con le forze statunitensi qui in Israele regolarmente“.

Fonte e foto Israeli Air Force


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *