Manuali per i nuovi Air Force One dell’USAF


L’USAF ha assegnato a Boeing un contratto da 84 milioni di dollari per la redazione dei manuali tecnici destinati ai due nuovi aeromobili Air Force One.

Il contratto è il secondo contratto aggiuntivo assegnato a Boeing per i nuovi aerei che avrebbero un costo di 3,9 miliardi di dollari.

Il programma di sostituzione degli attuali Air Force One, aventi più di trenta anni, è iniziato nel ormai lontano 2011. Tale programma, lanciato sotto l’Amministrazione Obama, si è trascinato tra le polemiche per l’aumento dei costi registrato in questi anni.

Trasformazione in VC-25B

I due nuovi aerei, dopo la trasformazione, assumeranno la designazione militare VC-25B.

In base al nuovo contratto, Boeing ed i subappaltatori dovranno modificare i manuali commerciali, aggiornarli con le informazioni specifiche sul VC-25B e fornire manuali integrati per il sistema VC-25B. La consegna di questi manuali è prevista per l’inizio del 2025, allorquando la trasformazione dei due aerei dovrebbe essere stata completata.

Tali manuali sono costituiti da migliaia di pagine relative ad informazioni sul volo, funzionamento e manutenzione degli aerei.

Nel mese di dicembre 2019, Boeing ha ricevuto un contratto da 12 milioni di dollari relativo alle direttive di aeronavigabilità ed alle modifiche di sicurezza da apportare ai motori.

Il nuovo Air Force One dovrebbe iniziare le operazioni nel 2024 con una previsione di vita operativa trentennale. Su questi aerei del tipo 747-8, Boeing ha in corso un importante potenziamento del sistema di produzione di energia elettrica. Inoltre, Boeing sta installando un sistema di comunicazione di missione di nuova generazione. Gli allestimenti interni prevedono, tra l’altro, una struttura medica, nonché spazi per le riunioni operative. Peraltro, questi velivoli avranno capacità di operazioni a terra autonome.

In previsione della loro entrata in servizio, la Joint Base Andrews, destinata ad ospitare la nuova coppia di aerei presidenziali, sta ricevendo lavori di aggiornamento per quasi 300 milioni di dollari.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet