Il ruolo dell’Italia nell’operazione ′′IRINI′′ e nel conflitto della Libia


Un interessante contributo e punto di vista di Anastassios Tsiplakos sul ruolo italiano nella crisi libica e sull’Operazione Irini. L’autore greco, esperto di difesa ellenico e del Mediterraneo Orientale, affronta diversi aspetti cruciali della complessa vicenda libica con lo spirito caustico ma altrettanto efficace che lo contraddistingue.

Gli interessi italiani in Libia

Il petrolio, la migrazione, gli interessi economici e, persino tradizionali dovrebbero far pensare a qualsiasi Governo Italiano che anche l’Italia dovrebbe partecipare – e, forse, svolgere un ruolo più importante – nel progetto di dividere la Libia. Dovrebbe anche pensare che la Libia non sia solo la memoria di un passato coloniale, ma l’asse dei suoi inevitabili e enormi interessi nella regione del Maghreb e in tutta l’Africa.

LIBIA. Onu: “Sì delle parti rivali libiche a ripresa negoziati per ...

La questione Libia è ovviamente strettamente connessa alla questione petrolio/gas. ENI dispone di sette aree di estrazione ma, secondo i dati del 2019, l’Italia riceve 7 milioni di tonnellate di petrolio da Tripoli (e Sirte), equivalenti al 12.1 % delle sue importazioni totali di energia.
Al fine di proteggere il petrolio italiano, l’Italia ha bisogno non solo dell’opera di intelligence di ENI, che sa benissimo muoversi da sola in queste circostanze, ma anche di un’unità di controllo che coinvolge sia i Servizi Intelligence che le Forze Speciali, come già disciplinato dalla Legge n. 198 del 11 dicembre 2015. Un’unità di controllo che deve ′′ fare politica “, cioè scegliere, pagare, dirigere e formare un gruppo abbastanza significativo di militanti locali ad opporsi – anche con le armi – gli interessi di altri Paesi , forse anche alleati, operando in quel sistema.

La visita del Ministro degli Esteri Di Maio a Tripoli

Il Ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio, mercoledì si è incontrato in Libia con il Primo Ministro libico Fayez al-Sarraj nella capitale Tripoli. Durante l’incontro, le parti hanno discusso i recenti sviluppi in Libia e lo stato delle relazioni tra i due paesi che sono amichevoli. Entrambe le parti hanno sottolineato l’importanza di tornare al processo politico in Libia e hanno sottolineato che rifiutano gli interventi esteri negativi nei suoi affari interni.

Guida di Tripoli - Fidelity Viaggi

Nel corso della riunione è stato discussa la necessità di un crescente coordinamento sulla lotta contro la migrazione irregolare nel Mediterraneo. Il memorandum d’intesa libico-italiano sulla migrazione (LIMUM) è stato firmato lo scorso febbraio e successivamente prorogato per altri tre anni. Il LIMUM prevede il sostegno italiano alle autorità libiche, che possono fermare le imbarcazioni e le navi che partono dalla costa libica e poi far tornare i migranti nei loro rifugi sul territorio libico. Ad Abu Sitta, infatti, un vascello italiano è all’ancora e coordina il lavoro della Guardia Costiera Libica per contrastare la migrazione illegale. Il Primo Ministro Sarraj ha voluto ringraziare l’Italia per i suoi contributi nell’attività di sminamento e nella ricerca di trappole esplosive condotte negli insediamenti civili libici.

File:Mmi A5353.jpg - Wikipedia

L’Italia mira a creare – indipendentemente dalla reale presenza della GNA di al-Sarraj – una serie di campi di controllo-selezione-permanenza civili e organizzati per fermarsi e identificare parte della migrazione subsahariana, nei tempi necessari.
Non si raggiungono accordi con i Paesi della regione. Sono tutti troppo felici per liberarsi di una parte di ′′ sovrapproduzione umana ′′ e non accetteranno mai di dover mantenere una ′′ folla pericolosa ′′ che, al massimo, sarà impiegata solo come arma di ricatto per gli occidentali che, alla fine, la subiranno comunque.
Da qui, la necessità di campi di controllo migratorio fuori dalla portata del Governo di al-Sarraj e delle principali tribù operative come intermediari della migrazione illegale. Per difenderli, sarà creata una forza di controllo NATO. Peraltro, per il buon fine dell’operazione sarà necessario scegliere un “campione locale” che, assieme alle Forze Armate italiane, assisterà il governo italiano a perseguire i propri interessi reali in Libia.

Operazione ′′ IRINI “: La forza che inerte ha guardato passare le armi o che non ha voluto agire…

Il 31 marzo, i Ministri degli Esteri dell’UE hanno approvato il varo dell’operazione EUNAVFOR MED ′′ IRINI “, una parola greca che significa ′′ pace “, che ha preso il posto dell precedente EUNAVFOR MED ′′ SOPHIA “. La missione mira ad operare nell’aria, mare e con satelliti per garantire che tutti i Paesi rispettino il divieto di fornire armi alle parti coinvolte nel conflitto libico. Le forze dell’UE dovrebbero bloccare anche qualsiasi esportazione illegale di petrolio, prevenire il traffico di esseri umani e contribuire alla formazione della guardia costiera locale e della marina come compito complementare.

L'UE avvia l'operazione IRINI per applicare l'embargo sulle armi ...

È stato forse profetico che EUNAVFOR MED ′′ IRINI ′′ sia stata lanciata il 1° aprile ′′ Giorno degli Stupidi “. Il recente incidente della nave della Marina ellenica, che stava monitorando i movimenti della nave battente bandiera della Tanzania sospettata di trasportare attrezzature militari, navigando a sud-ovest di Creta in direzione nord-ovest di Bengasi, accompagnata da tre fregate turche, indica fortemente l’inefficienza della Forza per completare la sua missione, dovuta principalmente all’indifferenza e / o alla debolezza dell’Unione europea per imporre le sue intenzioni in la zona.

Malta pone il veto all'“Operazione Irini” e si ritira dalla ...
foto EUNAVFOR MED

L’incidente solleva una serie di questioni come se l’operazione ′′ IRINI ′′ possa in pratica monitorare l’embargo. La Turchia sembrava avere un totale di otto navi in zona il giorno dell’incidente, mentre le unità schierate dell’Operazione Irini erano rappresentate da una sola fregata greca-

Le buone intenzioni non bastano…

Sull’Operazione ′′ IRINI “, ha detto il Primo Ministro Sarraj che l’operazione deve essere completa e dovrebbe essere condotta nella terra, nell’aria e nel mare contempo. Infatti, l’operazione Irini non ha ricevuto alcun sostanziale sostegno finora dagli Stati membri dell’Unione europea.

Immagine
foto Marina Turca

L’Italia, che guida l’Operazione Irini:

– conduce anche esercitazione marittime congiunte con sottomarini turchi nel Mar Mediterraneo.
– si è rifiutata di condannare le rivendicazioni territoriali della Turchia nel Mediterraneo orientale, che è scoppiata in una disputa in corso tra Ankara e un gruppo di Paesi della regione cercando di capitalizzare gas e petrolio offshore, nonostante abbia inizialmente partecipato al progetto di gasdotto EastMed ..
– sostiene il Governo dell’Accordo Nazionale (GNA) riconosciuto a Tripoli contro l’Esercito Nazionale libico (LNA) al comando del generale Khalifa Haftar, sostenuto da Russia, Francia, Emirati Arabi Uniti, Egitto e altri arabi Paesi.

Le relazioni turco-italiane sembrano essersi rafforzate dopo che il servizio di intelligence della Turchia ha giocato un ruolo nel salvataggio di una cooperante italiana rapita in Somalia.

Il bilaterale italo-turco del 20 giugno

“Continueremo a lavorare con l’Italia per una pace duratura in Libia” ha dichiarato il Ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu durante una conferenza stampa congiunta con la sua controparte italiana il 20. giugno. Il Ministro turco ha dichiarato che la Turchia avrebbe continuato a lavorare con l’Italia per una pace duratura e ad un processo politico che porterebbe risultati in Libia.

Immagine

Turchia e Italia, entrambi Paesi membri della NATO, sono due forze regionali con interessi comuni, storia e valori nel bacino mediterraneo. Ankara e Roma sostengono il governo riconosciuto dalle Nazioni Unite (GNA). ′′ Siamo grati all’Italia per non essere dalla parte del signore della guerra Khalifa Haftar in Libia, a differenza di molti altri paesi “, ha detto il Ministro Cavusoglu.
Il Ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio ha anche sottolineato che in Libia entrambi i Paesi ricercano una pace sostenibile.

Mentre il Ministro Di Maio descriveva l’Operazione IRINI come ′′ bilanciata,” allo stesso tempo dichiarava che nessuna delle due parti del conflitto libico dovrebbe avere accesso alle armi. ′′ Lo scopo è controllare l’arrivo di tutti gli armamenti,” ha detto Di Maio. ′′ Non è un rimedio per tutti i mali, ma almeno assicura che l’embargo sia osservato.”

fonte semedenergydefense.com


La Turchia, invece, dice che l’operazione navale dell’UE si concentra troppo sulla GNA ma non sul LNA.” L ‘Operazione Irini non è bilanciata. Non ha mai soddisfatto nessuna delle richieste e delle preoccupazioni del Governo (con sede a Tripoli) dell’Accordo Nazionale,” ha dichiarato Cavusoglu. Infatti, il Ministro degli Esteri turco ha sostenuto che l’operazione ignorava presunti ′′ trasferimenti di armi costanti ad Hafter dalla Francia.

Per maggiori approfondimenti sull’Operazione Irini rinviamo al sito https://www.semedenergydefense.com/


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet