Primo Bushmaster per la guerra elettronica per l’Esercito olandese


L’Esercito olandese ha ricevuto il primo Bushmaster convertito per eseguire compiti di Guerra Elettronica.

La modifica, che ha riguardo un veicolo già in servizio presso l’Esercito, è stata frutto dell’esperienza maturata in teatri esteri come Mali e Iraq.

I lavori, oltre all’aggiunta di diverse antenne, hanno compreso l’installazione di cinque postazioni complete di monitor e relativi sistemi.

Il vero punto di forza è possibilità di connettere le apparecchiature di bordo con altri sistemi EOV (elektronische oorlogvoering – guerra elettronica). Questo permette di catturare, analizzare e anche disturbare il traffico radio e cibernetico nell’area di missione.

Il Maggiore Mark è il comandante della 102^ Compagnia EOV, l’unità di intelligence dell’Esercito, posta sotto il comando unificato ISTAR.

All’inizio avevamo un sistema “isolato” in un veicolo da fanteria. Ora abbiamo le postazioni ed i sistemi integrati in una rete. Non solo possiamo catturare i segnali radio ma anche determinare e disturbare la posizione. […]

L’unità EOV guarda il campo di battaglia attraverso “occhiali speciali” a può usarli per vedere le attività cibernetiche e elettromagnetiche. Quando il nemico impiega sistemi di comunicazione, l’unità può stabilire da dove trasmette e sentire quello che dice. Le informazioni ottenute possono essere decisive in combattimento.

Il Bushmaster andrà ad affiancare i TPz A1A e 1A5 attualmente impiegati dalla 102^ Compagnia EOV.

JIVC

Joint IV Commando | LinkedIn

Il sistema è stato progettato dalla Joint IV Commando (JIVC), l’azienda IT di proprietà della Difesa.

Comunicato stampa e foto: qui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet