Cronache dalla Libia in fermento


Anastassios Tsiplacos, analizza l’attuale situazione libica, sempre di più, sul orlo di uno scontro aperto tra Potenze, alla luce degli attacchi aerei sulla base di Al-Watiya occupata dai Turchi e le mire di conquista di quest’ultimi sulla città di Sirte e della base aerea di al-Jufra.

*********************

Possiamo anticipare che è in corso un’operazione del GNA con il sostegno della Turchia per la conquista di Sirte e, molto probabilmente, della base aerea di al-Jufra. Ankara non ha fretta per Ankara, perché bisogna portare a termine il massimo dei preparativi militari e tutti i possibili dialoghi diplomatici.

Libia - Mappa


Secondo il giornale turco ′′ Yeni Safak “, la Turchia sta riorganizzando le forze del GNA, oltre stabilire due basi militari permanenti in Libia. La prima di queste basi è al-Watiya impiegabile per lanciare attacchi di droni. L’altra base è Misurata, dove ci si aspetta lo schieramento permanente delle navi della Marina Turca

Aiuti turchi allo LNA

Le forze del LNA si stanno preparando a difendere Sirte dal grande attacco per il quale si stanno mobilitando le forze turche. Le fonti pro-GNA sostengono anche che l’LNA ammassi ulteriori truppe ed avrebbe schierato 2 sistemi di difesa aerea Pantsir-S a Sirte tra il 28 ed il 29 giugno. Si dice che l’LNA abbia preparato anche missili balistici tattici “Gheddafi” per la Prossima battaglia. I camion con missili balistici che si spostano in prossimità della città sono stati avvistati il 27 giugno scorso.

Recentemente, le forze della GNA e i gruppi militanti siriani schierati ad ovest di Sirte hanno ricevuto un grande lotto di armi e attrezzature dalla Turchia. Secondo le foto che appaiono online, queste armi includevano anche MANPADS del tipo QW-1 fabbricati in Cina.

Missili Hawk e non solo schierati dai Turchi

Un video è stato anche pubblicato presumibilmente mostrando lo schieramento di un sistema di difesa aerea MIM-23 Hawk a medio raggio, sulla base aerea di al-Watiya.

Immagine
Twitter


Le foto di questi MANPADS sono apparse dopo l’ondata di segnalazioni che l’Aeronautica LNA avrebbe ricevuto nuovi aerei da combattimento dalla Russia. Mentre l’uso di questi misteriosi aerei da guerra deve ancora essere documentato, i MANPADS nelle mani dei combattenti libici filo turchi sono un fatto confermato.
Il gruppo navale turco schierato vicino alle coste libiche nel Mediterraneo conduce periodicamente esercizi di prontezza.
Senza il supporto militare diretto dall’estero, l’LNA non avrebbe risorse per superare lo status quo attuale ed assestare un colpo devastante alle forze dell’ANNA assistite dall’esercito turco. Tuttavia, senza un maggiore coinvolgimento turco nel conflitto, le forze della GNA e i gruppi militanti siriani mancherebbero delle risorse necessarie per catturare Sirte nel prossimo futuro.

L’attacco aereo alla base di al-Watiya

Tuttavia, i recenti attacchi aerei del GNA e turchi alla base aerea di al-Watiya hanno dimostrato che il costo di questa spedizione sarà elevato e potrebbe non concludersi come pianificato dai due alleati. Infatti, fonti informate hanno riferito al Settimanale Arabo che gli aerei da guerra che hanno preso di mira la base aerea di al-Watiya erano cacciabombardieri Rafale. Questo limita l’identità della firma dell’attacco alla Francia ed Egitto, i due Paesi che possiedono questo tipo di aeromobile.

Immagine
Twitter


Un ufficiale dell’esercito libico in pensione risiedente nella regione Zintan, parlando a condizione di anonimato, ha rivelato al ′′ The Arab Weekly ′′ che 9 attacchi aerei hanno preso di mira le strutture della base di al-Watiya, impiegate dalle forze militari turche come sede centrale dallo scorso mese di maggio. Sarebbero stati presi di mira anche un sistema di difesa aerea MIM-23 Hawk con i suoi radar, un sistema di difesa aerea Sungur, le installazioni radar fisse e mobili del sistema di jamming dei segnali Koral dell’esercito turco di stanza nella base aerea.

Chi ha colpito gli interessi turchi in Libia? Il bombardamento ad al Watiya
Twitter

L’attacco ad al-Watiya è arrivato dopo una visita di due giorni a Tripoli e Misurata da parte del Ministro della Difesa Hulusi Akar con il Capo degli Stati Maggiori Riuniti Generale Yasar Gular, durante il quale hanno ispezionato i soldati turchi e le sale operative militari turche nelle due città. I messaggi di questi raid ′′ confermano che l’arena libica non è vuota, ma include le forze che hanno la capacità di colpire duramente ovunque ed in qualsiasi momento, e il loro tempismo è un avvertimento diretto a Erdogan, ricordandogli che le linee rosse non devono essere superate , soprattutto dopo l’aumento dei movimenti turchi in Libia, tra le segnalazioni di preparazione per un attacco alla città di Sirte e alla base di al-Jufra.”

Qual è il vero obiettivo della Turchia

Gli idrocarburi sono il perno di questa questione, come di tutto questo conflitto. Proprio ad est di Sirte, lungo la costa costiera di 250 chilometri, sono numerosi gli impianti tra cui le due più grandi raffinerie petrolifere libiche, depositi ed impianti portuali. A sud di questa costa, in un’area di circa 200 chilometri di profondità e di 500 chilometri di larghezza, vi sono pozzi di petrolio e stazioni di produzione di gas naturale con molteplici pipeline. La maggior parte della produzione di idrocarburi libici si svolge in questa regione.

Immagine
Twitter


Il paese aveva registrato la produzione di 1.6 milioni di barili di petrolio nel 2010, che è diminuito notevolmente a causa dell’instabilità e di diversi gruppi che combattono per prendere il controllo delle risorse. Dal 2014, le milizie di Haftar hanno preso di mira i campi petroliferi per rafforzare la loro posizione nella guerra in corso. L’interruzione della produzione petrolifera libica è costata oltre 6 miliardi di dollari di perdite da gennaio e ha danneggiato le infrastrutture del settore petrolifero.

La Turchia sta cercando di raccogliere le ricompense dal suo intervento in Libia per rafforzare la sua economia vacillante, poiché il suo sostegno al governo dell’Accordo Nazionale con sede a Tripoli (GNA) nella guerra civile del paese mette Ankara in cima alla lista per fare un’offerta per i multimilionari contratti di dollari.
Le imprese turche dicono di non vedere l’ora di svolgere un ruolo chiave nella ricostruzione del paese nordafricano ricco di petrolio. I funzionari turchi hanno compiuto viaggi a Tripoli il mese scorso e questa settimana per incontrare funzionari della GNA per discutere di cooperazione in settori come la ricostruzione e l’energia.

Al giorno d’oggi, il pomo della contesa è la città portuale di Sirte e la base aerea al-Jufra nella regione centrale. Sirte è adiacente alla cosiddetta ′′ cittadella petrolifera ′′ che comprende i principali terminali petroliferi libici, e la GNA e la Turchia intendono acquisire il loro controllo.
Tuttavia, anche se le forze turche dovessero conquistare tutte queste strutture e acquisirne il controllo fisico su tutta questa grande area, sarebbe difficile operarli senza un accordo tra le due parti .. Durante i molti anni di lotta interna, le strutture sono rimaste operative solo con il consenso tra le due parti in lotta. Peraltro, l’amministrazione Trump, successivamente, ha disconosciuto l’accordo e la produzione si è fermata.

Tante domande ma ancora nessuna risposta…

Le mosse militari turche in Libia, mirando non solo ad aprire le più grandi riserve petrolifere dell’Africa alle compagnie turche, ma anche ad espandere la sfera di influenza di Ankara nel Mediterraneo orientale, hanno messo sul tavolo un possibile confronto con l’Egitto e, forse, con la Francia. Nel 2020 non è più impensabile un confronto militare tra i membri della NATO (Turchia-Francia) o alleati della NATO (Emirati Arabi Uniti, Egitto, Israele).
Alla fine, le forze turche possono raggiungere l’obiettivo di conquistare Sirte e, probabilmente, anche al-Jufra. Ma questo significherebbe un ingresso simultaneo in una fase sconosciuta del conflitto semplicemente perché ci sono diverse domande ancora senza risposte:

1. Come reagirà Mosca, soprattutto in termini militari, se le forze turche prendono il controllo di al-Jufra-dove attualmente sono schierati almeno 14 jet da caccia russi – senza consenso reciproco?
2. Il Presidente Francese Emmanuel Macron ha dichiarato che ′′ la Turchia sta giocando un gioco pericoloso e la Francia non lo permetterà.” Queste parole implicano chiaramente l’uso dei mezzi militari se necessario. Il Presidente Francese sta bluffando o manterrà fede alle sue parole? I recenti attacchi di al-Watiya potrebbero mostrare alcune risposte.
3. L ‘Egitto mobiliterà i suoi militari in modo completo, specialmente, le sue forze aeree e terrestri? O sceglierà di assumere prevalentemente combattenti tribali fedeli all’Egitto?
4.Qual è il contenuto militare dei negoziati ed il possibile accordo tra Russia, Francia e Egitto?

L’abbondanza di domande essenziali per il momento senza risposte aumenta solo la probabilità di ogni tipo di grosse sorprese.

**************************

Nota di redazione: alle 4 domande poste dall’Autore nelle conclusioni, forse è da aggiungere una quinta. Alla luce della recente occupazione nella regione del Fezzan di un grande giacimento petrolifero, di cui la Total è compartecipe, da parte dei contractors della russa Wagner, i rapporti tra Parigi e Mosca sono destinati a cambiare? Ci saranno ripercussioni nei rapporti tra Parigi ed il Maresciallo Haftar?

****************************

Autore

Anastassios Tsiplakos è un esperto di armamenti, politica, questioni energetiche della Grecia e del Mediterraneo Orientale.

E’ l’animatore della rivista on line https://www.semedenergydefense.com/ a cui rinviamo per ulteriori approfondimenti


Un pensiero riguardo “Cronache dalla Libia in fermento

  • Luglio 12, 2020 in 7:08 pm
    Permalink

    Credete che a qualcuno interessa una soluzione pacifica per la Libia? Gli interessi economici e strategici militari di tutti gli attori coinvolti non vogliono la pace in Libia ma la sua spartizione per ritagliarsi più vantaggi possibili. Ragionamio. La Russia vuole una base nel Mediterraneo e non vuole mollare la posizione, anche perché non vuole fare brutta figura, facendosi defenestrare da uno stato della NATO, avendo puntato sul cavallo che sembrava vincente e ora in ritirata e caduto in disgrazia negli appoggi interni ed esterni; quindi cercherà di cristallizzare la situazione con un cessate il fuoco e una soluzione di comodo per tutti per non andare a uno scontro cruento dagli esiti incerti e pericolosi per una escaletion incontrollabile. La Francia ha solo interessi economici e in parte ha già raggiunto i suoi obiettivi con la Total e solo non vuole che cambiamenti strategici la mettano fuori dai giochi e quindi gioca a nascondino appoggiando Haftar fin dove potrà, alzando anche la voce (22 giugno), ma pronto a scaricarlo al momento giusto. La Turchia vuole tutto, petrolio, gas, basi, porti e aeroporti per la nuova politica espansionistica di Erdogan. Sa però che non può tirare troppo la corda perché può andare incontro a una guerra dagli esiti incerti contro le forze militari Russe, Egiziane e aiuto esterno della Francia con i suoi aerei nonché appoggi degli Emirati Arabi Uniti.Quindi gli andrebbe bene anche lo status quo con la spartizione della Libia e l’accordo ottenuto sulle aree marine. L’Egitto non aspetta altro che le cose pricipitano per entrare in Libia e prendersi la sua fetta di territorio quando ci si siederà al tavolo per la sua spartizione accampando la scusa di proteggere i propri confini. L’ITALIA….lasciamo perdere…..con Di Maio ministro degli esteri…..Conte impegnato a difendersi per stare a galla…..un governo diviso senza una strategia estera……opposizioni che inseguono il popolismo inerno…….l’ENI senza riferimenti politici per creare una strategia sul territorio……. Soluzioni, se interessa ve le suggerisco……….

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet