Come i Russi tentano di rispondere alla minaccia degli UAVs


L’analisi delle pubblicazioni dei mass media nel campo della difesa aerea mostra che il numero di lavori in quest’area è dominato da conclusioni poco ottimistiche degli autori riguardanti il ​​successo del rilevamento e della distruzione di armi di attacco aereo di piccole dimensioni  da parte degli attuali sistemi di difesa aerea delle Forze Armate della Forze della Federazione Russa. Allo stesso tempo, il compito di rilevare, riconoscere e distruggere veicoli aerei senza equipaggio (UAVs) di piccole dimensioni a bassa quota è estremamente complesso, poliedrico e ancora non risolto efficacemente dalla difesa aerea militare delle forze di terra.

Al momento, sembrerebbe che molti organi di comando e controllo militari delle Forze Armate della Federazione Russa non siano pienamente consapevoli delle difficoltà che sorgono quando si debba rilevare, riconoscere e distruggere aeromobile di piccole dimensioni a bassa quota. Questo problema complesso è spesso discusso nell’ambito di singoli aspetti particolari della problematica, che spesso provoca l’idea di “un problema praticamente risolto che richiede solo lo sviluppo di particolari soluzioni tecniche” come il recente Pantsir-SM (Fig.1) dotato di nuovi missili con capacità anti UAVs.

Fig. 1

Oggi, gli organi di comando e controllo militari della difesa aerea militare non vedono i pericoli di possibili attacchi aerei massicci da parte degli UAVs, ad esempio i luoghi di residenza permanente e temporanea del capo di stato nell’area della città di Sochi. Nel frattempo, i sistemi UAVs possono volare liberamente a bassa quota tra la catena montuosa del Caucaso e non possono essere rilevati e distrutti dai sistemi militari di difesa aerea.  Come si può vedere dalla Fig. 2, la rotta di volo di un gruppo di UAVs (sciame) verso l’oggetto difeso può passare al di fuori del campo di visibilità delle stazioni radar di difesa aerea situate nella regione di Sochi. 

Fig. 2

Va notato che i sistemi di avvistamento di attacco missilistico pubblicizzati negli ultimi anni dalle imprese del complesso militare-industriale russo e dalle Forze Aerospaziali della Federazione Russa, basati sui radar di allarme rapido oltre l’orizzonte del tipo Voronezh-DM (Fig. 3) e sui radar mobili (Fig.4), non sono solo incapaci di rilevare lanci e traiettorie di volo di armi aviotrasportate a distanze comprese tra 50 e 100 km, ma non possono trasmettere informazioni sulla designazione del bersaglio ai sistemi di difesa aerea delle forze di terra. Queste circostanze rendono il sistema missilistico di allerta precoce completamente inutile per risolvere i problemi di difesa aerea sia in un teatro di operazioni con terreno pianeggiante, sia in uno contraddistinto da elementi di catene montuose.


Fig,3
Radar Voronezh-DM a lungo raggio di allarme rapido e sorveglianza progettati per rilevare e tracciare una vasta gamma di minacce come missili balistici, aerei e satelliti.

I radar tradizionali attualmente in servizio con la difesa aerea militare sono praticamente incapaci di rilevare e riconoscere efficacemente i sistemi UAVs anche in assenza di interferenze, e l’attuale armamento missilistico e cannoni dei sistemi di difesa aerea militare non è in grado di garantire un tiro efficace contro UAVs con un tempo di reazione non superiore a pochi secondi … 

Fig.4
Radar Almaz-Antey / NNIIRT 55Zh6ME Nebo ME, la componente in banda VHF è alla destra dell’immagine, la componente in banda S/C è alla sinistra dell’immagine, la componente in banda L in primo piano e il sistema di fusione dei dati, in background. Tutti i componenti sono trasportati su veicoli della serie BZKT BAZ-6909 ad alta mobilità.

Il problema di rilevare gli UAVs di piccole dimensioni a bassa quota mediante la difesa aerea militare è principalmente dovuto alla curvatura della superficie terrestre e alla presenza di zone d’ombra creati dal terreno, che limita la portata del rilevamento radar dei sistemi di difesa aerea contro oggetti che volano a bassa e bassissima quota. 

Una soluzione ai problemi di rilevamento e distruzione di UAVs a bassa quota può essere realizzata posizionando radar e missili e armi a bordo di un UAV di tipo elicottero (UAV-VT) – in primo luogo, aumentando l’altezza del radar sopra la superficie ed, in secondo luogo, estendendo il pattugliamento UAV-VT con un raggio di combattimento fino a 180 km in prossimità dell’oggetto difeso Fig. 5.

Fig,5
Dimensioni delle zone di rilevamento dei sistemi missilistici di difesa aerea di Pantsir-S1 e UAV-VT

Pertanto, esiste una reale possibilità di aumentare il raggio di rilevamento di 4-5 volte garantendo un adeguato aumento della loro distruzione. Negli studi condotti dai russi, è dimostrato che che il miglior rapporto costo-efficacia è un sistema missilistico di difesa aerea basato su UAV-VT, incentrato sul rilevamento e la distruzione di piccoli bersagli aerei che si muovono a bassa velocità, come gli UAVs. 

Questo sistema consente di aumentare la gamma di rilevamento e distruzione dei sistemi di difesa aerea, consente di trasmettere continuamente informazioni sulla situazione aerea al sistema di controllo automatizzato della difesa aerea dei sistemi di difesa aerea e missilistica e missilistica. 

La complessità del compito di sviluppare un sistema di difesa aerea di tipo elicottero è dimostrata dal fatto che numerosi tentativi da parte delle imprese del complesso militare-industriale russo di sviluppare UAV-VT con un carico utile di oltre 500 kg nell’interesse delle forze armate RF non sono stati coronati da successo. focalizzato sul rilevamento e la distruzione di tali piccoli bersagli aerei, che si muovono a bassa velocità, come gli UAV. Le caratteristiche dell’attuazione e l’aspetto tecnico di un tale complesso di difesa aerea consentirebbero di aumentare la capacità di rilevamento e distruzione, consentendo di trasmettere continuamente informazioni sulla situazione aerea al sistema di controllo automatizzato della difesa aerea, dei sistemi di difesa aerea e missilistici. 

Durante lo sviluppo di UAV-VT (Fig. 6), gli ingegneri del VOLNA Central Research Institute hanno applicato molte soluzioni tecniche che non erano state precedentemente utilizzate. Il risultato dello sviluppo di sistemi di difesa aerea è ampiamente predeterminato dal tentativo di utilizzare una serie di tecnologie note nella progettazione di un sistema di propulsione, un complesso di missili ed un complesso di volo e navigazione.Nell’emisfero anteriore dell’UAV-VT, è possibile installare un supporto per cannone mobile del tipo NPPU-23 (prodotto 9A-4454) con un cannone a fuoco rapido da 23 mm a doppia canna GSh-23. L’uso di moderne soluzioni tecniche innovative basate sull’implementazione di nuovi principi per la creazione di una centrale elettrica, l’intelligenza artificiale come parte della FPU (unità di calcolo in virgola mobile o unità in virgola mobile – dall’inglese “floating-point unit”), l’uso di nuovi materiali strutturali.

Fig.6
Veicolo aereo senza pilota tipo elicottero

La creazione di un sistema missilistico di difesa aerea basato su UAV-VT con un sistema di intelligenza artificiale consentirà di aumentare di oltre 4 volte il raggio di rilevamento degli obiettivi aerei in condizioni di combattimento, aumentando l’accuratezza del riconoscimento dei sistemi di difesa aerea e di conseguenza il livello di capacità di combattimento delle forze di terra.

Fonti:

1. Gavrilov dC Il problema della lotta contro i moderni mezzi di attacco aereo // Izvestiya RARN. 2018. Numero (103). C. 15–20. 

2. Eremin GV, Gavrilov AD, Nazarchuk II Droni di piccole dimensioni: un nuovo problema per la difesa aerea // Arsenal of the Fatherland. 2015 n. 1 (15). C. 20–27. 

3. Luzan A. G. Scienza militare: realtà, miti e prospettive // ​​Sfera aerospaziale. 2020, n. 1 (102). P. 106-116 

4. Mosienko S. A. Complesso aereo senza equipaggio di rilevamento radar-ottico a lungo raggio – M., 2017. – 238 p. 

5. Mosienko SA Problemi reali di difesa aerea militare delle forze di terra e modi per risolverlo // Giovane scienziato. 2020.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet