Oggi sei Boeing B-52 sorvolano i cieli delle trenta Nazioni NATO


In una rotazione unica delle missioni Bomber Task Force (BTF) regolarmente ricorrenti in Europa, sei bombardieri strategici B-52 Stratofortress dell’USAF sorvoleranno tutte le 30 nazioni NATO in Europa e Nord America il 28 agosto.

Questa missione della durata di un giorno, intitolata Allied Sky, ha lo scopo di dimostrare la solidarietà della NATO, migliorare la prontezza e fornire opportunità di addestramento volte a migliorare l’interoperabilità per tutti gli equipaggi degli Stati Uniti e degli Alleati della NATO. Allied Sky è l’ultima iterazione delle missioni BTF di routine che si sono svolte nel teatro delle operazioni europeo dal 2018, con oltre 200 sortite coordinate con Alleati e partner. Le missioni BTF sono pianificate da molto tempo e non rispondono ad alcun evento politico in corso in Europa.

Allied Sky sarà condotto da due squadre:

  • Quattro bombardieri B-52 Stratofortress attualmente schierati presso la Royal Air Force (RAF) Fairford, nel Regno Unito, voleranno nella parte europea della missione. I bombardieri strategici si integreranno per tutta la giornata con aerei da combattimento e aerei di rifornimento aereo di diverse nazioni della NATO nei cieli sopra ogni nazione ospitante.
  • Due B-52 Stratofortress assegnati al 5 ° Stormo di Bombardieri sulla Minot Air Force Base, North Dakota, sorvoleranno le nazioni NATO del Canada e degli Stati Uniti.

Le nazioni NATO programmate per partecipare alla missione e integrarsi con i bombardieri includono Belgio, Bulgaria, Canada, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovacchia, Spagna, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.

Le operazioni e gli impegni con Alleati e partner fungono da pietre miliari che sottolineano l’impegno di USEUCOM per la sicurezza e la stabilità globali. Queste opportunità servono anche a ricordare che, nonostante le continue sfide presentate dalla pandemia di COVID-19, le forze statunitensi rimangono completamente pronte per eseguire le loro missioni in tutti i domini, migliorando l’interoperabilità con Alleati e partner.

Fonte e foto EUCOM


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet