Caccia russo abbattuto in Libia


Un MiG-29 Fulcrum, probabilmente operato da contractor russi, è stato abbattuto nelle vicinanze di Sirte, in Libia.

Il pilota del caccia, ripreso in video dopo il lancio, è stato successivamente recuperato da un elicottero Mi-24.

Nel video, la cui veridicità è attualmente al vaglio degli esperti, si vede il paracadute e vari elementi che appartengono al sistema di eiezione K-36DM impiegato sua dai MiG-29 che dai Su-24. Nel medesimo video si sente il pilota parlare in russo.

I MiG-29 sono schierati a sostegno della campagna di Haftar dato che il “Generale” gode dell’ampio sostegno della Russia.

Gli Stati Uniti avevano registrato e reso di pubblico dominio l’arrivo dei caccia russi in Libia a giugno. Almeno 14 MiG-29 e diversi Su-24 sono arrivati nel paese nord africano passando per la Siria dove sono stati “ripitturati”.

Secondo lo stesso comunicato dell’AFRICOM i velivoli non sono pilotati da personale dell’Aeronautica russa ma da equipaggi mercenari, probabilmente appartenenti al Wagner Group.

Ares seguirà l’evolversi della vicenda.

Immagine di copertina: Russian fighter jets were recently deployed to Libya in order to support Russian state-sponsored private military contractors (PMCs) operating on the ground there. The Russian fighter aircraft arrived in Libya, from an airbase in Russia, after transiting Syria where it is assessed they were repainted to camouflage their Russian origin. “The world heard Mr. Haftar declare he was about to unleash a new air campaign. That will be Russian mercenary pilots flying Russian-supplied aircraft to bomb Libyans,” said U.S. Army Gen. Stephen Townsend, commander, U.S. Africa Command. (Date taken = date uploaded to DVIDS)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet