Le Forze di Difesa Aerea dell’Esercito Russo


Negli ultimi tempi, la Russia che già dispiegava un sistema integrato e multi livello di difesa aerea costituito da sistemi a lungo, medio e corto raggio, ha radicalmente incrementato le capacità di difesa contraerea delle forze terrestri russe, aggiornando od introducendo nuovi sistemi.

In questo articolo, non andremo ad analizzare i sistemi in dotazione alla Forze Aerospaziali, che hanno il compito di “respingere l’aggressione nella sfera aerospaziale e proteggere dagli attacchi da spazio e dall’aria”, ma delle Forze di Difesa Aerea (Vojska protivovozdušnoj oborony) che “sono un ramo delle forze terrestri progettato per coprire truppe e oggetti dall’attacco aereo nemico e che sono responsabili dei seguenti compiti principali:

  • allarme di combattimento della difesa aerea;
  • condurre l’avvistamento, l’ identificazione della minaccia aerea e allertare le truppe amiche;
  • ingaggiare e distruggere le armi da attacco aereo nemiche in volo;
  • partecipare alla conduzione della difesa missilistica nei teatri operativi.

A livello organizzativo, le forze di difesa aerea della SV sono costituite da organi di comando e controllo militari, posti di comando della difesa aerea, missili antiaerei e formazioni radio-tecniche, unità militari e sub unità. Sono in grado di distruggere armi da attacco aereo nemiche nell’intera gamma di altezze (estremamente piccole – fino a 200 m, piccole – da 200 a 1000 m, medie – da 1000 a 4000 m, grandi – da 4000 a 12000, nella stratosfera – più di 12000 m) e velocità di volo.

Le formazioni, le unità militari e le unità di difesa aerea delle forze di terra sono dotate di missili antiaerei, artiglieria antiaerea, sistemi (sistemi) cannoni antiaerei e sistemi missilistici antiaerei portatili di varia portata, canali e metodi di guida missilistica. A seconda del raggio di distruzione degli obiettivi aerei, sono suddivisi in complessi a corto raggio – fino a 10 km, a corto raggio – fino a 30 km, a medio raggio – fino a 100 km e a lungo raggio – più di 100 km.


L’ulteriore sviluppo delle forze di difesa aerea viene effettuato aumentando la mobilità, la sopravvivenza, la segretezza del lavoro, il grado di automazione, la produttività del fuoco, espandendo i parametri dell’area interessata, riducendo il tempo di reazione e le caratteristiche di massa dimensionale dei complessi missilistici antiaerei (missile-artiglieria).

ZSU-23-4M4 Shilka-M4

Uno dei punti di forza delle Forze di Difesa Aerea è la sua elevata mobilità che gli consente di essere aderente con il resto delle formazioni, vuoi esse siano corazzate o motorizzate; un altro è la ridondanza di sistemi che creano degli overlaps e che pertanto renderebbero lo spazio aereo sovrastante le unità pressoché “inviolabile”, il terzo – sconosciuto ai più – la capacità di integrarsi con i sistemi in dotazione alla Forze Aerospaziali.

Le attuali tabelle organiche delle forze di terra russe non differiscono da quelle dell’era sovietica. Ogni reggimento motorizzato o reggimento carri ha un battaglione di difesa aerea che comprende una batteria su 6 cannoni semoventi ZSU-23-4M4 Shilka-M4 (o 2S6M Tunguska-M), una batteria su 6 complessi 9K35MN Strela-10MN SAM ed una batteria su 27 MANPADS.

2S6M Tunguska-M

Le Brigate di armi combinate, oltre il battaglione sopra descritto, hanno anche un battaglione antiaereo aggiuntivo, con tre batterie ciascuna su quattro sistemi Tor-M2 e tre MANPAD, mentre le Divisioni Motorizzate e Corazzate hanno reggimenti missilistici antiaerei. Inizialmente erano armati con 9K33M3 Osa-AKM, ma ora sono stati sostituiti od in via di sostituzione, dal moderno Tor-M2.

9K33M3 Osa-AKM

I reggimenti antiaerei stanno sostituendo i sistemi Osa con i più moderni Tor. Le Forze di Difesa Aerea gestiscono diverse opzioni Tor: Tor-M1, Tor-M2 e Tor-M2U. Nel 2012, le unità di difesa aerea tattica hanno iniziato a ricevere Tor-M2U a corto raggio. Hanno una base di elementi moderni, quattro canali target, resistenza allo jamming e capacità di interfacciamento ampliate con altre armi tramite canali digitali.

9A331M TELAR 9K331M Tor-M2

Una Armata Combinata, e fino a poco tempo fa non tutte, dispone di una Brigata missilistica antiaerea armata di Buk-M2.  La stessa situazione si verificava con le Brigate antiaeree dei Distretti Militari armate di S-300V, alcuni distretti ne erano sprovvisti, ma ora sono in via di distribuzione.

I lanciatori di difesa aerea russi S-300V e S-300V4 aggiornati riceveranno protezione aerea a corto raggio fornita dal Pantsir-SM aggiornato per le forze di terra che avrà uno telaio cingolato invece di uno ruotato, lo scrive l’Independent Military Review. I Pantsir-SM devono difendere l’S-300V e l’S-300V4 da missili da crociera, armi di precisione e droni da combattimento.

Pantsir-SM

I Pantsir–SM garantiranno la protezione degli S-300V e S-300V4 sia  in marcia che in posizione.

La protezione degli S-300V4 è diventata vitale. Sono l’arma più pericolosa in grado di distruggere bersagli ad una distanza di 400 km. L’S-300V4 è l’arma più efficace contro i missili balistici ed è dotato di speciali radar per rilevarli.

9S18M1-3 radar di acquisizione del 9K317M Buk-M3

Il ministero della Difesa sta sviluppando le capacità di difesa aerea delle forze operative e tattiche. Diverse brigate S-300V4 sono state schierate di recente.

radar di ingaggio 9S36M del 9K317M Buk-M3 system

Nel 2015 è stata costituita una nuova brigata antiaerea nel 49a Armata combinata. Nel dicembre 2015, una nuova brigata antiaerea si è unita al 36a Armata combinata. Tra un anno o due, l’8a Armata combinata avrà un’altra brigata missilistica di difesa aerea. Opererà nell’ esercito di armi combinate del Distretto Militare Meridionale.

posto comando 9S510M del 9K317M Buk-M3

Fino a poco tempo, la difesa aerea delle forze di terra ha operato principalmente Buk-M1 / M2 che sono stati accettati in servizio nel 1998. Ora, le brigate di difesa aerea sono riarmate con i moderni Buk-M2 e Buk-M3. Il Ministero della Difesa ha detto che le forze di terra hanno ricevuto cinque set di brigate dei nuovi lanciatori nel 2012-2019. Non è stato specificato il numero di Buk-M2 e Buk-M3 forniti.

9A317M TELAR del 9K317M Buk-M3

Ogni  Armata combinata ha la propria brigata missilistica di difesa aerea armata con Buk-M2 e Buk-M3.

9A317 TELAR for Buk-M2

Il progetto di nuovi cannoni contraerei per le forze di terra è stato avviato sin dal 2017. Il comandante della difesa aerea delle forze di terra, il tenente generale Alexander Leonov, ha detto che lo ZSU-23-4M4 Shilka-M4sarebbe stato sostituito da un cannone di artiglieria con proiettili innovativi capaci di distruggere droni tattici, razzi di MLRS, missili da crociera, armi di precisione, aeroplani tattici ed elicotteri d’attacco, mezzi corazzati leggeri. Il cannone ha una firma bassa a causa dei mezzi passivi di ricognizione, rilevamento e tracciamento. Nel 2017 non rivelò il nome dell’arma ed il quando per la sua accettazione in servizio, tuttavia, è oggi  evidente che facesse riferimento al semovente antiaereo 2S38 Derivatsya-PVO mostrato alla parata del Giorno della Vittoria nel 2020.

2S38 Derivatsya-PVO

Il 2S38 Derivatsya-PVO spara diversi tipi di proiettili. Oltre i proiettili a frammentazione ad alto potenziale esplosivo, può sparare munizioni con esplosioni controllate a distanza. Secondo Uralvagonzavod, il cannone crea una nuvola di frammentazione nel punto di ingaggio del bersaglio aereo o terrestre. Il proiettile ha un detonatore elettronico a contatto remoto. Il controllo del fuoco imposta automaticamente l’ora dell’esplosione per creare questa nuvola di frammentazione nel punto assegnato dal calcolatore balistico. Ci sono anche menzioni Le pubblicazioni di proiettili intelligenti guidati per il Derivatsya.

Nel mondo esistono già proiettili intelligenti guidati da 57 e 76 mm. Il DART/STRALES 76mm guided ammunition dell’azienda italiana Leonardo è un esempio. Ha pinne aerodinamiche che cambiano la posizione a comando per cambiare la traiettoria e manovrare. Il design russo di un analogo DART è noto da tempo e si è recentemente unito al di munizionamento disponibile per il T-15 con il modulo da combattimento Kinzhal 57 mm. Il 2S38 Derivatsya-PVO con proiettili guidati può sostituire sia lo ZSU-23-4M4 Shilka-M4 che il 2S6M Tunguska-M. Le nuove munizioni amplieranno notevolmente l’elenco dei bersagli che il 2S38 Derivatsya-PVO sarà in grado di distruggere, oltre agli elicotteri e ai droni, bombe e missili intelligenti.

Anche il sistema missilistico a corto raggio 9K35MN Strela-10MN SAM sarà presto sostituito dal Sosna / Ptitselov.

9K35MN Strela-10MN SAM

Le VDV dovrebbero ricevere il Ptitselov, su scafo del veicolo aviotrasportato BMD-4M nel 2022.

Il Ptitselov sarà fornito anche alle forze di terra nella versione 9M337 Sosna-R. A differenza del veicolo aviotrasportato, sarà installato su scafo BMP-3 o MT-LB. Il primo veicolo con 9M337 Sosna-R è stato presentato al forum Army-2018 su  scafo MTLB successivamente è stato mostrato su scafo BMP-3.

Il sistema guida il missile tramite un raggio laser. Il radar segue il bersaglio e il sistema ottico elettronico emette un raggio su di esso e ha luogo un lancio. Il vantaggio principale è la capacità di distruggere bersagli ad alta velocità e manovrabilità. I missili 9M337 Sosna-R sarebbero, a detta del costruttore, invulnerabili a trappole termiche e disturbi agli infrarossi.

Nel settore MANPADS, il ministero della Difesa russo sta sostituendo il 9M342 Igla-S con il moderno 9K333 Verba dotato di testate homing multispettrali che consentano di ingaggiare il bersaglio nelle bande infrarosse ed ultraviolette.

9M342 Igla-S

La nuova testata ottica del missile di difesa aerea 9K333 Verba ha ampliato il raggio di tiro contro bersagli con una bassa emissione termica ed una maggiore protezione dai disturbi pirotecnici. Di conseguenza,  il numero di missili per bersaglio è diminuito e l’efficacia è aumentata di 1,5-2 volte rispetto all’Igla-S. Ogni batteria è dotata di un radar e nel 2019 sono stati progettati controlli automatici: l’operatore riceve le informazioni sul bersaglio molto prima di poterlo vedere.

9K333 Verba

Le VDV hanno risolto il problema del trasporto montando il personale e manpads a bordo di BTR-MDM che sono accompagnati da analoghi mezzi 9S931-3 Planning Module e  9S932-2 Intelligence and Control Module del sistema Barnaul-T AD.  Per le altre unità dotate di BTR-80 sono in prova nuovi veicoli sul telaio K-4386 Typhoon. I mezzi di comunicazione e gli spazi per riporre i missili sono all’interno.

A tutto ciò si uniscono le intramontabili ZU-23-2 portate allo standard M, con un sistema di controllo del fuoco aggiornato, un generatore di corrente portatile e che opzionalmente possono essere dotate di due lanciatori per il missile della serie “Igla”, normalmente il 9M342 “Igla-S”

ZU-23M1

Fonti:

– Ministero della Difesa della Federazione Russa

– Janes

– Army Recognition

– Military today

– Rosoboronexport – Air Defence System

– Russian Ground Forces OOB ISW CTP

Foto:

– Vitaly V. Kuzmin


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet