L’OTO 76/62 sbarca finalmente in Brasile


Leonardo ha finalizzato con Thyssenkrupp il contratto per la fornitura di quattro cannoni OTO 76/62 Sovraponte più due in opzione per equipaggiare le fregate classe Tamandaré della Marina brasiliana che diventa il primo cliente estero di questa versione del sistema d’arma.

Il valore del contratto dovrebbe essere superiore ai 30 milioni di euro.

La decisione non è stata certo scontata con il 57 mm molto più vicino, almeno nelle fasi iniziali, a equipaggiare le navi brasiliane.

Rendering iniziale con il Bofors da 57 mm Mk. 110 sostituito dall’OTO 76/62

Questo si evince da una intervista rilasciata a Defesa Aérea & Naval dove l’Ammiraglio Petronio Augusto Siqueira de Aguiar, Direttore della Gestione Programmi Strategici della Marina Militare, ha sottolineato come le munizioni da 57 mm sono già prodotte localmente dall’industria brasiliana. Inoltre rispetto ai requisiti di progetto il cannone di OTO non avrebbe soddisfatto alcuni punti tra i quali la possibilità di ruotare a 360° ed essere raffreddato ad aria. Il 76/62 richiede infatti un raffreddamento ad acqua di mare e poi acqua dolce per il “risciacquo”.

OTO 76/62 Super Rapido

OTO 76/62 Super Rapido

L’OTO 76/62 SR (Super Rapid) è un cannone che si contraddistingue per la sua leggerezza e straordinaria potenza di fuoco. Può essere impiegato per difesa contro aerei o elicotteri, bersagli di superficie e anche in funzione anti-missile.

Il rateo di fuoco può passare da un colpo singolo fino a 120 colpi/al minuti, una impressionante potenza di fuoco di due colpi al secondo. Si tratta infatti dell’unico calibro medio navale a poter sostenere un rateo di fuoco così alto che è fondamentale nei moderni scenari dove le minacce sono multiple e provenienti da più direzioni.

Classe Tamandaré

Tamandaré-class frigate - Wikipedia
Classe Tamandaré

La classe Tamandaré è basata sulla famiglia MEKO tedesca e caratterizzata da una modularità per soddisfare le richieste del cliente. Il progetto prospettato per la Marina brasiliana prevede quattro unità con un dispiegamento di 3.500 tonnellate, una lunghezza di 107,2 metri ed una larghezza di 15,95 metri. La propulsione è affidata a quattro motori MAN V12 da 7.320 hp e la generazione elettrica da quattro generatori Caterpillar C32.

L’armamento principale è composto da 12 celle per VLS Sea Ceptor, missili anti-nave Exocet o MANSUP, lanciatore triplo Mark 48 da 533 mm, OTO 76/62, Bofors da 40 mm a controllo remoto e due mitragliatrici da 12,7 mm sempre a controllo remoto.

Immagine di copertina: cannone 76/62 del pattugliatore JS Hayabusa (PG-824) della Marina giapponese nella base navale di Maiduru


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet