Il primo missile anti nave turco prossimo alla produzione a pieno regime


L’Atmaca, il primo missile anti nave di produzione nazionale, sta ultimando l’ultima fase di test prima di iniziare la produzione a pieno regime.

Durante l’ultimo test il missile ha svolto la sua missione senza l’ausilio del sistema GPS (Global Positioning System) impiegando l’unità di navigazione inerziale interna.

Il missile si appresta dunque ad affrontate l’ultima prova prima dell’inizio della produzione in serie: lancio con una testata reale.

ATMACA

This image has an empty alt attribute; its file name is Atmaca-3.jpg

L’ATMACA, “falco” in turco, è in corso di sviluppo dal 2009 dalla Roketsan.

Il missile impiega un sistema di posizionamento satellitare (GPS), un sistema inerziale nonché l’altimetro barometrico ed il radar altimetro come sottosistemi per la navigazione verso il bersaglio. Il seeker è composto da un radar attivo ad alta precisione. Ha una gittata di 250 km e impiega una testa di guerra a frammentazione con esplosivo ad alto potenziale dal peso complessivo di 250 kg.

By Şahin 1 – Own work, CC BY-SA 4.0, Link

Grazie ad un collegamento data-link l’ATMACA ha la capacità di ricevere aggiornamenti in tempo reale sul bersaglio, attaccare un nuovo bersaglio o terminare la missione.

Ha una massa di circa 800 kg, una lunghezza tra i 4.800 mm – 5.200 mm ed una apertura alare di 1,4 metri.

Può essere integrato in corvette, fregate, pattugliatori,etc.

L’ATMACA rappresenta dunque l’alternativa “home made” del missile Harpoon statunitense per la Marina.

Brochure del missile: qui


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet