Nuovo SC2 Software di GA-ASI per l’uav Gray Eagle ER


Sono in corso notevoli riduzioni della postazione, del tempo di lancio della missione e dell’ingombro complessivo per i sistemi aerei senza pilota (UAS) Gray Eagle Extended Range (GE-ER), grazie alla nuova interfaccia basata su laptop chiamata Scalable Command & Control (SC2) di General Atomics Aeronautical Systems, Inc. (GA-ASI).

GA-ASI ha recentemente concluso una serie di test di volo, utilizzando la nuova interfaccia SC2 ospitata sull’Improved Portable Maintenance Aid (IPMA) del governo degli Stati Uniti che viene inviato a tutte le unità UAS dell’esercito. Ciò fornisce il 100% delle funzionalità del rifugio della stazione di controllo a terra (GCS) ospitato su un laptop, riducendo notevolmente il carico logistico di installazione, trasporto e funzionamento di un UAS Gray Eagle. Lo sforzo è stato strettamente coordinato con il cliente governativo di GA-ASI per controllare completamente un UAS Gray Eagle Extended Range (GE-ER) di proprietà dell’azienda, inclusi pre-volo, taxi, decollo e atterraggio.

L’operazione è stata successivamente condotta utilizzando un GE-ER di proprietà del governo per confermare la funzionalità con il software GCS da campo. Il software SC2 consente il controllo del GE-ER e dei suoi carichi utili, consentendo anche il controllo di aeromobili, carichi utili e sensori da parte di utenti disparati che replicano una forza di manovra a terra o altri utenti svantaggiati. SC2 ha anche controllato in modo efficiente i sensori di bordo e ha comandato il rilascio di vari carichi utili di diversi produttori, tutti integrati in meno di 90 giorni.

SC2 ha incorporato un’automazione significativa e una riduzione del carico di lavoro cognitivo per gli operatori GE-ER, consentendo loro di concentrarsi sulle attività di missione. L’automazione pre-volo di SC2 riduce le tempistiche di posizionamento e lancio della missione del 75% rispetto alla stazione di controllo a terra (GCS) attualmente in campo.

SC2 è una raccolta di applicazioni software autonome che riducono il carico di lavoro dell’operatore attraverso elenchi di controllo automatizzati e ottimizza i passaggi dell’operatore per pre-volo, taxi, decollo e ripristino, monitoraggio dello stato e dello stato, controllo dei sensori e del carico utile e manutenzione dell’UAS Gray Eagle. GA-ASI ritiene che l’automazione di SC2 consentirà agli operatori arruolati di concentrarsi completamente sui compiti di missione più difficili e rilevanti dal punto di vista operativo, lasciando i compiti più banali al software con compiti man-in-the-loop minimi per soddisfare il concetto dell’esercito di “autonomia supervisionata” . “

SC2 sfrutta i precedenti strumenti di automazione e le architetture approvate dal governo per ridurre i costi generali e di integrazione e supporto. Il software SC2 incorpora le capacità specifiche di GE-ER necessarie per condurre tutto, dai semplici controlli di manutenzione alle operazioni di missione complete e ai test di volo. General Atomics sta lavorando a stretto contatto con l’esercito per garantire che l’architettura aperta di SC2 sia allineata ai piani dell’esercito per l’interfaccia di controllo scalabile (SCI).

L’incorporazione di SC2 nella configurazione GE-ER sul campo consentirà all’esercito di ridurre significativamente l’impronta logistica di un plotone GE-ER e fornire una vera capacità di spedizione all’esercito, consentendo la flessibilità nella conduzione delle operazioni multidominio (MDO), fornendo consapevolezza della situazione, informazioni critiche e tempestive mirate a lungo raggio e che consentono ai futuri aeromobili a sollevamento verticale di concentrarsi sulle loro missioni. La visione è che qualsiasi computer portatile che ospita il software SC2 con un’interfaccia di collegamento dati (linea di vista o oltre la linea di vista) sarà in grado di interfacciarsi con il velivolo GE-ER e controllare i sistemi di bordo.

Questa capacità eliminerà oltre 100.000 pounds di veicoli dell’esercito in ogni plotone GE-ER, fornendo la massima flessibilità ai comandanti delle unità sul campo di battaglia Multi-Domain Operations (MDO),

Fonte e foto General Atomics Aeronautical Systems, Inc.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet