Novità per il Nuovo Elicottero da Esplorazione e Scorta (NEES)


In data nove novembre u.s., è stata pubblicata la Relazione Preliminare e Determinazione a Contrarre della Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità (Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti) relativa il progetto per la stipula di un secondo Atto Aggiuntivo afferente la 1^ fase di studio, progettazione e qualifica di tre pre‐serie del Nuovo Elicottero da Esplorazione e Scorta (NEES) nonché successiva fornitura degli stessi in configurazione IOC (Capacità Operativa Iniziale) con il relativo supporto logistico iniziale.

Leonardo-Finmeccanica, come decollerà l'elicottero AW249 in Europa? -  Startmag

Tale fase sarà coperta con fondi del MiSE (Ministero dello SvIluppo Economico) stanziati con le Legge di Bilancio 2017 e 2018 per un totale di 315,50 milioni di euro.

In data 12/01/2017 è stato stipulato il contratto n. 833 di Rep. relativo alla 1ª fase di studio, progettazione e qualifica di tre pre‐serie del Nuovo Elicottero da Esplorazione e Scorta (NEES), successiva fornitura degli stessi in configurazione Initial Operational Capability (IOC) e del relativo supporto logistico iniziale.

1° Atto Aggiuntivo

Successivamente, la Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità ha definito e negoziato le attività necessarie per la stipula del 1° Atto Aggiuntivo al contratto in parola, ad oggi, peraltro, non ancora finalizzato.

Tale Atto Aggiuntivo prevede il raggiungimento della qualifica Full Operational Capability (FOC) della piattaforma,
comprensiva della 1^ serie di requisiti auspicabili e aggiuntivi, l’aggiornamento alla configurazione FOC, comprensiva della 1^ serie di requisiti auspicabili ed aggiuntivi, dei n.3 elicotteri IOC, l’adeguamento, ove necessario, del supporto logistico e delle pubblicazioni tecniche per supportare i n.3 elicotteri IOC riconfigurati in FOC e la formazione di n.1 pilota sperimentatore e di n.1 specialista sperimentatore.

2° Atto Aggiuntivo

Il 2° Atto Aggiuntivo dovrà prevedere lo svolgimento delle attività necessarie per il completamento della attività di progettazione della piattaforma NEES, per il raggiungimento della Full Operational Capability (FOC), il soddisfacimento delle varianti al CT 06/051 Rev.2 emerse in sede di Critical Design Review e l’avvio di un Supporto Logistico Integrato per le piattaforme FOC.

Nell’ambito dei 315 milioni di euro stanziati dal MiSE, lo Stato Maggiore dell’Esercito, oltre le attività indicate e coperte dal contratto n. 833 e dal 1° e 2° Atto Aggiuntivo, auspica di poter finanziare l’acquisizione di ulteriori n.4 elicotteri FOC aggiornati alla 2ª serie di requisiti auspicabili e aggiuntivi, la formazione di piloti e tecnici, lo sviluppo e produzione iniziale di n.4 Tactical-Portable Electronic Device (T-PED), l’elaborazione di un studio per il Supporto Logistico Integrato (SLI) delle piattaforme FOCaggiornate alla 2ª serie di requisiti auspicabili e aggiuntivi, l’acquisizione dell’Initial Parts List (IPL) funzionale al SLI e lo sviluppo e produzione di una Mission Planning Station (MPS).

Il programma NEES

Il contratto pluriennale per il Nuovo Elicottero da Esplorazione e Scorta (NEES) dell’Esercito italiano copre lo studio, lo sviluppo, l’industrializzazione, la produzione e il collaudo di un prototipo e dei primi tre elicotteri di produzione. Attraverso questo programma, basato su un requisito complessivo di 48 unità, l’Esercito potrà sostituire la flotta di elicotteri AW129 attualmente impiegati e destinati ad essere ritirati dal servizio operativo entro il 2025, dopo oltre 35 anni di attività. Il programma NEES beneficerà della lunga esperienza accumulata dall’Esercito grazie all’AW129 e del know-how di Leonardo nel campo degli elicotteri dedicati a questo tipo di missione, consentendo alla Forza armata di dotarsi di un prodotto tecnologicamente all’avanguardia, ancor più performante e con costi di gestione più ridotti per poter soddisfare le nuove esigenze operative nell’ambito dei mutati scenari per i prossimi 30 anni.

What we know so far about Leonardo's AW249 attack helicopter

Il NEES sarà un elicottero con un peso massimo al decollo di 7-8 tonnellate, con carico utile superiore ai 1800 kg, con velocità comprese tra 115 ai 140 nodi (da 210 a 260 km/h). L’autonomia ed il raggio d’azione rispetto l’attuale AW129D saranno nettamente migliorati anche per far fronte ai compiti di scorta dei Boeing CH-47F che hanno migliori performance rispetto i vecchi CH-47C+.

L’armamento sarà costituito da un cannone a 3 canne tipo TM-197B da 20 mm integrato con il sistema OTWS (Observation, Targeting and Spike Weapon System) TOPLITE (sistemi che saranno recuperati ed aggiornati dagli AW129D) e da 4 punti di aggancio (piloni) sotto le 2 semi-ali e con 2 ulteriori punti di aggancio alle estremità alari.

In fase iniziale, i NEES saranno armati con gli attuali sistemi d’arma disponibili per gli AW129D, i missili aria-superficie Spike ER e LR, razzi Hydra da 70 mm e AIM-92 Stinger (la versione aria-aria del MANPADS).

Prospettive concrete in Polonia

Per l’AW249/NEES, attualmente, sono in corso trattative avanzate con la Polonia interessata all’introduzione di un nuovo elicottero da combattimento. A tal fine, Leonardo nel 2018 ha siglato un protocollo di intesa con la polacca Polska Grupa Zbrojeniowa (PGZ) finalizzato alla collaborazione nello sviluppo del elicottero volto a rispondere ai requisiti del Esercito di Varsavia per il programma “Kruk”. Pertanto, sulla base di questa intesa, Leonardo e PGZ potranno valutare varie aree di collaborazione tra cui la progettazione, produzione, assemblaggio, commercializzazione all’Estero e supporto tecnico-operativo post-vendita per l’elicottero AW249 nella versione messa a punto per l’Esercito Polacco.

Immagini Leonardo Company


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet