Rigenerazione per gli AH-64 Apache olandesi


I primi tre elicotteri da combattimento Boeing AH-64D Apache della Reale Aeronautica dei Paesi Bassi sono partiti il 19 novembre, a bordo di una nave, dal porto di Anversa nel Belgio con rotta verso gli Stati Uniti. 

Un Apache dismesso.

Presso gli stabilimenti Boeing, gli AH-64D saranno sottoposti ad una cosiddetta rigenerazione, un processo che richiede circa due anni. E’ previsto che tutti i 28 Apache attualmente in servizio subiranno una completa ricostruzione e revisione nei prossimi anni.

Un notevole sforzo logistico ha preceduto la spedizione poiché, nelle settimane precedenti il viaggio oltreoceano, gli elicotteri sono stati letteralmente smontati dal Logistiek Centrum Woensdrecht.

L'Apache sfiora le cime degli alberi dell'area di addestramento tedesca Hohenfels durante l'esercitazione NATO Swift Response (ottobre 2017).

L’arrivo della nave è previsto al porto di Baltimora, sulla costa orientale degli Stati Uniti, il 4 dicembre prossimo, dove gli elicotteri, una volta sbarcati, saranno inviati a Huntsville, in Alabama. Successivamente, raggiungeranno gli stabilimenti Boeing a Mesa, in Arizona.

Gli Apache saranno portati alla configurazione più avanzata Guardian, con il radar ad onde millimetriche  AN/APG-78 Longbow modernizzato, sensori e collegamenti dati migliorati. Anche la potenza disponibile aumenterà con l’installazione di nuovi motori più performanti, nuova trasmissione principale ed il rotore principale sarà dotato di pale di nuovo disegno. Gli elicotteri saranno ricostruiti con l’eliminazione delle parti e sistemi obsolescenti sostituiti con componenti di nuova generazione.

Gli Apache olandesi riceveranno sistemi di autodifesa di nuovo tipo tra cui un sistema di allerta radar (RWR) e di illuminazione laser (LWR) nonché un sistema di allerta sulla minaccia dei missili in avvicinamento (CMWS).

Anche il simulatore di volo degli elicotteri da combattimento Apache AH-64D situato presso la base aerea di Gilze-Rijen sarà sottoposto ad ammodernamento; infatti, sarà portando al nuovo standard Guardian. Oltre il software compatibile con la versione AH-64E Apache Guardian, il “nuovo” simulatore sarà anche in grado di ricreare virtualmente la cooperazione dell’equipaggio dell’elicottero con velivoli senza pilota, come parte di team misti MUMT (velivoli con equipaggio e velivoli senza equipaggio).

Dopo l’aggiornamento, gli elicotteri rigenerati e portati allo stato dell’arte potranno rimanere in servizio fino al 2050.

Il prossimo viaggio degli Apache olandesi negli Stati Uniti è previsto per il mese di febbraio del 2021. Gli elicotteri destinati al Defence Helicopter Command torneranno nei Paesi Bassi tra la metà del 2023 e l’inizio del 2025.

Nel 1997 la Koninklijke Luchtmacht ordinò 30 AH-64D, due dei quali perduti nel corso di operazioni reali, il primo nel 2004 in Afghanistan ed il secondo nel 2015 in Mali.

Foto Koninklijke Luchtmacht


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet