La Corea del Sud schiera un nuovo sistema di difesa antimissile ed antiaerea


Nel mese di novembre, le Forze Armate Sud Coreane hanno dichiarato operativa la prima batteria del sistema di difesa antimissile ed antiaerea a corto raggio Tiangung II realizzato con tecnologia domestica, nell’ambito di un programma sviluppato e condotto sotto la guida della DAPA (Defence toAcquisition Program Administration).

Il detto sistema impiega la versione 2 del missile Tenyu (KM-SAM Block II o Tenyu PIP) che si differenzia dalla versione 1 per l’adozione di nuove alette canard anteriori e per il sistema TVC, Thrust Vector Control, che permette al missile di compiere varie manovre non consentite a missili ed aerei equipaggiati con motori convenzionali.

In veste di intercettore aereo il Tenyu-2 dovrebbe essere capace di ingaggiare velivoli che volano fino a 30 km di altezza e 50 km di distanza; per compiti antimissile il raggio d’azione nei confronti di missili balistici dovrebbe essere di 20 km (la precedente versione Tenyu-1 è accreditata di 15 km).

Immagine

Il Tiangung II è stato sviluppato a partire dal 2012 dal National Defense Science Research; nel 2017, completato lo sviluppo, è stato sottoposto ad una lunga serie di prove che hanno registrato il 100% dei successi di ingaggi. Nel 2018 è iniziata la produzione e nel 2020 è stata dispiegata la prima batteria operativa.

Il missile Tenyu-2 è stato pensato per intercettare missili balistici con portata di 180 km, lunghezza di 4 metri, diametro 0,6 metri, peso 1.500 kg con velocità massima di Mach 5,56.

Il sistema servirà alla Corea del Sud ad essere meno dipendente dall’Estero e potrà essere oggetto di promozione per la vendita a livello internazionale.

Fonte e foto DAPA


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet