L’Electronic Warfare russa


Parte prima

La Guerra Elettronica (Electronic Warfare- EW) russa ha subito cambiamenti sostanziali negli ultimi dieci anni, iniziati nel 2009, allorquando fu organizzata l’Arma EW. Ciò elevò il rango dell’EW russo, che ora è allo stesso livello delle altre Armi di Supporto al combattimento. Il risultato immediato e, probabilmente, il più importante di questo cambiamento, fu la formazione di un quartier generale per il comandante dell’EW all’interno del General Staff del Ministero della Difesa.

Dal 2009, questa struttura di comando EW allargata è divenuta essenziale per lo sviluppo generale delle forze EW russe. Infatti, ha migliorato il coordinamento all’interno del dominio EW, fornendo migliori mezzi di integrazione con altre forze/strutture ed ha facilitato il programma di riarmo. La creazione dell’Arma EW, tuttavia, era solo il punto di partenza in una riforma ad ampio raggio; dal 2009, nuove unità EW sono state formate ed è stato acquisito un gran numero di nuovi sistemi mentre nuovi ruoli/compiti sono stati assegnati alle unità EW.

Definizione Russa di Guerra Elettronica (Electronic Warfare- EW)

La guerra elettronica è un insieme di attività ed azioni coordinate che comprendono l’attacco ai sistemi radioelettronici ed informatici avversari, la protezione dei propri sistemi radioelettronici ed e informatici, le contromisure contro la ricognizione tecnica al fine di evitare l’acquisizione di informazioni nonché fornire misure di supporto all’intelligence radioelettronica.

Questa definizione, amplia la diversità delle armi offensive EW e permette di includere mezzi in grado di inibire il funzionamento di apparecchiature elettroniche. Di conseguenza, anche la gamma di misure protettive sono state ampliate. Inoltre, includendo “Obiettivi radioelettronici e informatici” i targets dell’EW non si limitano, esclusivamente, ad apparecchiature e sistemi direttamente attivi nello spettro elettromagnetico (EMS), come le  apparecchiature di radiocomunicazione, radar, sensori elettro-ottici, etc. ma anche a sistemi sottostanti come computer, archiviazione dati e fornitura di energia.

Componenti della EW russa

Attacco elettronico

Una delle principali innovazioni è l’inclusione di armi distruttive EW, che portano ad un cambio di nome da “soppressione elettronica” ad “attacco elettronico” Tuttavia, le misure offensive EW rimangono invariate per degradare il comando e controllo avversario nonché ridurre l’efficacia dei suoi sistemi d’arma.

Le attività offensive sono svolte essenzialmente attraverso quattro metodi diversi :

  • Attacco funzionale (funktsionalnoe porazhenie – FP) descrive le armi EW che sono in grado non solo di sopprimere ma anche di distruggere l’elettronica avversaria. Il primo settore è costituito da armi ad energia diretta (DEW) come laser od armi a microonde ad alta potenza (HPM). La seconda capacità riguarda le operazioni di rete di computer, introducendo “attacchi funzionali” a mezzo software, come attacchi di virus, su “oggetti radioelettronici” quali infrastrutture di comando civili e militari, nonché sistemi di controllo, quindi, attacchi alla rete di computer non solo limitato agli obiettivi militari.
  • Contromisure elettroniche, sia attive che passive come, ad esempio, la soppressione delle comunicazioni radio nemiche o radar (jamming).
  • Missili anti-radiazioni.
  • Simulazione ed imitazione elettronica, con la creazione di un falso ambiente elettromagnetico [Imitatsiia (sozdanie lozhnoi) radioelektronnoi obstanovki] non solo per disturbare i singoli radar nemici, ma anche per creare un ambiente con elettronica falsa al fine di fuorviare il nemico.

Protezione elettronica

La protezione elettronica è spesso descritta come misura adottata per garantire la funzionalità delle apparecchiature radioelettroniche in un ambiente elettronicamente disturbato (in gergo tecnico “jammato”). Nella letteratura russa EW, due tipi di misure per garantire la protezione elettronica sono spesso citate: l’Electronic Hardening  e garantire la compatibilità elettromagnetica:

  • Indurimento elettronico (Electronic Hardening) riguarda l’aumento della resilienza dell’elettronica ai diversi tipi di radiazioni elettromagnetiche. Ciò è in gran parte svolto dal Ministero della Difesa, istituti di ricerca e laboratori collegati alle unità EW, in coordinamento con l’industria EW. La protezione radioelettronica rispecchia in gran parte l’attacco radio elettronico, per cui lo sviluppo di nuovi tipi di armi distruttive offensive EW hanno portato ad un corrispondente ampliamento delle misure di protezione.
  • Compatibilità elettromagnetica: garantire la compatibilità elettromagnetica significa ridurre od eliminare i danni da interferenze causate dalle apparecchiature elettroniche di un’unità nemica. Questo compito ha assunto sempre più importanza a causa del generale aumento dell’uso dell’elettronica nel equipaggiamento militare. Pertanto, la pianificazione operativa ed il coordinamento tra i diversi tipi di sistemi che utilizzano l’EMS sono divenuti fondamentali in per sostenere la compatibilità elettromagnetica.

Contromisure contro la ricognizione tecnica

La protezione delle truppe od equipaggiamenti militari contro la ricognizione tecnica straniera (protivodeistvie tekhnicheskim sredstvam razvedki, PD TSR)  è sempre stato un obiettivo primario. Il modo principale per fornire tale la protezione è passato attraverso l’auto-monitoraggio, principalmente nello SME o Misure di Supporto delle Informazioni Radioelettroniche, per identificare emissioni involontarie che potrebbero rivelare la posizione di un oggetto militare. Questo particolare disciplina dell’EW è nota come kompleksny tekhnicheskii kontrol (KTK), che può essere tradotto come “controllo tecnico completo”. I mezzi per ottenere la protezione non si limitano all’auto-monitoraggio tramite le capacità KTK, ma si estendono anche all’uso di misure preventive e di soppressione per salvaguardare le informazioni sulle truppe e sulle loro attività, sull’equipaggiamento militare e strutture, così come, la protezione speciale di oggetti radioelettronici e informatici.

In questo modo, questa nozione include anche elementi di Garanzia dell’informazione:

  • Misure di supporto delle informazioni radioelettroniche (SME) Le misure di supporto delle informazioni radioelettroniche abilitano le altre tre. Ad esempio, per poter sopprimere le comunicazioni radio o schierare contromisure contro un missile in arrivo, è essenziale rilevare prima il segnale radio del missile in arrivo. In sintesi, le misure di supporto delle informazioni radioelettroniche consistono in una serie di misure per identificare e controllare la funzionalità della radioelettronica, così come la raccolta, l’analisi e la generalizzazione dei dati dell’ambiente elettronico per condurre attacchi o segnali elettronici.
  • Controllo tecnico completo Le misure KTK sono costituite principalmente dal monitoraggio delle emissioni e dal controllo, rappresentando una componente importante per ridurre l’efficacia della ricognizione tecnica e puntamento degli avversari. È importante tenere presente che il controllo tecnico completo o KTK implica il monitoraggio non solo dell’EMS, ma anche di una varietà di altre fonti in grado di divulgare informazioni sul luogo in cui si trovano le truppe, oggetti militari ed altro, come, ad esempio, emissioni acustiche, idroacustiche, termiche e chimiche. Le prime unità KTK furono create negli anni ’70 all’interno delle forze missilistiche strategiche, ma esistono anche unità KTK che proteggono Strutture missilistiche anti-balistiche (ABM) di Mosca e altre infrastrutture militari di importanza strategica.
  • Sforzo informativo sulla guerra elettronica, lo “sforzo informativo degli organi di comando EW” (informatsionnaia rabotaorganov upravleniia, REB) riguarda essenzialmente l’elaborazione e l’archiviazione  delle informazioni necessarie come dati di input per l’allarme radar Ricevitori (RWR), consentendo loro di rilevare in modo efficiente e, possibilmente, identificare una sorgente di emissione elettromagnetica.

Krasukha-4  sistema mobile per guerra elettronica (EW)

L’organizzazione della guerra elettronica

Secondo l’attuale comandante dell’Arma EW, le risorse militari EW sono suddivise in tre principali strutture organizzative:

1. Assetti EW di distretti militari, formazioni e unità delle forze armate ” servizi e armi.

2. Assetti EW nel sistema KTK singolo.

3. Assetti EW del sistema di radio jamming strategico.

La prima struttura copre le risorse EW solitamente associate alle funzionalità EW, per esempio, le Brigate EW Indipendenti delle Forze Terrestri, le compagnie EW delle truppe aviotrasportate, dei sistemi EW a bordo di navi da combattimento o aerei, e così via. Soprattutto, le risorse EW in questa struttura forniscono supporto al combattimento EW ai militari delle unità a livello tattico o operativo.

La seconda struttura riguarda il sistema di unità KTK che costituiscono una organizzazione parallela all’interno delle truppe EW. Le unità KTK tradizionalmente hanno tre compiti principali:

– il controllo delle emissioni (EMCON), che è la gestione di emissioni elettromagnetiche per garantire che nessun uso accidentale di elettronica riveli il luogo in cui si trovano le truppe o gli oggetti militari;

– assicurare la compatibilità elettromagnetica, per evitare situazioni in cui un sistema causi interferenze e, quindi, degradi l’efficienza di un altro sistema elettronico;

– garanzia delle informazioni che è eseguita insieme al Servizio per Protezione dei Segreti di Stato (Sluzhba zashchity gosudarstvennoi tainy) ed implica misure per affrontare il crescente utilizzo di dispositivi elettronici civili, come smartphone. A differenza delle risorse EW che appartengono alla prima struttura, le unità KTK sono organicamente suddivise in centri, nodi e gruppi.

La terza struttura è quella della Strategic Radio Jamming System (Strategicheskaia sistema radiopomekh). Non si conosce esattamente quale sia il suo compito e la sua organizzazione; si sa solo che il Presidente Putin nel 2014, designò le unità tecniche Osnaz del GRU, Glavnoe razvedyvatel’noe upravlenie o Direttorato principale per l’informazione, come Strategic Radio Jamming System e si pensa che costituisca il principale mezzo di coordinamento dell’intelligence tecnica strategica (SIGINT) e militare EW.

Struttura di comando e controllo EW

Il Quartier Generale delle unità EW ed il Comando EW sono situati all’interno dello Stato Maggiore a Mosca.

Attualmente, i compiti del Quartier Generale del Comandante EW sono svolti da tre direzioni (napravleniia), un dipartimento (otdel) e un servizio (sluzhba). Il ruolo principale della struttura di comando è la costruzione e lo sviluppo a lungo termine di risorse militari EW, gestire le questioni riguardanti EW e EMS che includono l’organizzazione per la protezione contro la ricognizione tecnica straniera, garantendo compatibilità e responsabilità per le questioni legali internazionali riguardanti la protezione dei sistemi radioelettronici militari. L’attuale capo delle truppe EW è un Generale a due stelle, il Tenente Generale Yurii Lastochkin.

I servizi a disposizione del Quartier Generale EW rappresentano il collegamento principale tra il Quartier Generale delle unità EW e altri beni EW subordinati. Pochissime unità sono direttamente subordinate; a questa categoria appartengono il 1084° Centro di Formazione Interservizi EW (TC) e la 15a Brigata EW Indipendente; entrambe le unità sono stanziate nella città di Tambov, nella Russia sud-occidentale a circa 500 km di distanza da Mosca.

Personale in servizio

Il numero complessivo di soldati che servono nelle unità militari EW è relativamente piccolo, ma è probabile che i requisiti richiesti siano superiori alle capacità degli altri militari. Ciò è particolarmente vero per quanto riguarda l’attitudine all’abilità tecnica, per consentire alle truppe di completare l’addestramento specialistico EW. Nonostante un consistente aumento del numero di soldati in servizio sotto contratto, risultava presente ancora nel 2010 una presenza di coscritti. Dal 2011, il numero di coscritti è diminuito contemporaneamente alla creazione delle nuove Brigate EW. Oggi, i soldati a contratto che desiderano far parte delle unità EW hanno la priorità rispetto a quelle in servizio nelle forze di terra; una peculiarità è costituita dalle truppe aviotrasportate le cui compagnie sono esclusivamente formate da soldati a contratto.

Formazione EW

Il 1084° Inter-service EW Training Center di Tambov è il principale centro di formazione per specialisti EW, come coscritti, soldati professionisti e sottufficiali, nonché un piccolo numero di ufficiali specializzati e militari stranieri. Anche gli specialisti EW che servono nella struttura KTK sono formati a Tambov. Altri compiti per il TC di Tambov includono la conduzione di ricerche scientifiche su l’uso tattico delle apparecchiature EW, supportando così l’industria EW nella ricerca e sviluppo e l’ammodernamento delle apparecchiature EW; condurre e partecipare ai test di nuove apparecchiature EW; riqualificare le unità EW prima della ricezione di nuove attrezzature EW. Il TC dispone anche di un reparto prove (ispytatelno-metodicheskogo otdela, IMO) che partecipa alla valutazione di apparecchiature EW non  ancora adottate, conduce analisi delle capacità EW estere e partecipa attivamente nel dibattito scientifico russo sull’EW.

L’Accademia dell’aeronautica di Voronezh è la principale struttura educativa di base per gli ufficiali, offrendo i sei principali campi di studio relativi a EW (REB-N, REB-S, REB-K, KTK e contromisure contro la ricognizione tecnica estera, informazioni guerra e metodi EW). La formazione specifica EW per gli ufficiali, prosegue poi all’interno di delle forze di appartenenza come la Signals Troops Academy di San Pietroburgo, Strategic Rocket Forces Academy di Balashikha  e Naval Academy in Petrodvorets.

Classificazione russa delle unità EW

Indipendentemente dal ramo di servizio, molte delle unità EW sono terrestri, il che significa che la loro attrezzatura è trasportabile dall’uomo o montata su un veicolo. Questo vale anche per i centri EW indipendenti della Marina e per i battaglioni EW indipendenti delle Forze Aerospaziali. Pertanto, il tipo di veicolo su cui è montata l’attrezzatura EW non può essere equiparato ai rami fondamentali del servizio. La categorie impiegate nella terminologia EW russa contemporanea consentono di separare le unità EW terrestri, che hanno la più grande varietà di complessi EW, in base al tipi di target che coinvolgono. Le cinque categorie seguenti sono quelle più utilizzate oggi:

– REB-N EW combating ground-based systems (REB s nazemnymi sredstvami)

– REB-S EW combating airborne systems (REB s samoletnymi sredstvami)

– REB-K EW combating space-based systems (REB s kosmicheskimi sredstvami)

– REB-Atd EW combating terrorist activities (REB antiterroristicheski deiatelnosti)

– KTK Comprehensive technical control (Kompleksnyi tekhnicheskii kontrol)


Stazione di interferenza ottica-visiva 5P-42 “Filin” per impieghi navali

Risorse di guerra elettronica militare

La figura mostra che le capacità EW militari russe sono disponibili in una varietà di forme. Le attività EW presidiate dalle unità comprendono Comandi e servizi, unità indipendenti, unità subordinate disperse in tutte le Forze armate. I tipi di apparecchiature EW sono numerosi e solo pochi esempi sono rappresentati in figura; peraltro, l’immagine riprodotta consente di comprendere che ci sono sistemi EW e sistemi d’arma speciali con capacità EW.


Tupolev Tu-214R Intelligence, Surveillance and Reconnaissance (ISR) aircraft

Fonti:

ICDS: Report Russias Electronic Warfare to 2025

Jamestown Foundation:  Russias Advances in EW capability

Jonas Kjellén: The Role of Electronic Warfare in the Russian Armed Forces


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet