Varato il sottomarino Humaitá della Marina brasiliana


L’11 dicembre, la Marina brasiliana ha varato il sottomarino Humaitá (S41) nel Complesso Navale e Industriale di Itaguaí (CNI), nel sud dello Stato di Rio de Janeiro, durante le celebrazioni della Giornata del Marinaio.

Parallelamente si è svolto il l’accoppiamento della sezione poppiera del sottomarino Tonelero (S42) e la dimostrazione delle fasi di costruzione e collaudo delle unità previste dal Submarine Development Program, ProSub.

Tonelero, in primo piano, e Humaitá, sullo sfondo (Immagine: MB)

All’evento hanno partecipato il Presidente della Repubblica, Jair Messias Bolsonaro, accompagnato dal governatore ad interim di Rio de Janeiro, Claudio Castro; Ministri della Difesa, Generale dell’Esercito Fernando Azevedo e Silva e Scienza, Tecnologia e Innovazione, Marcos Pontes; Comandanti della Marina, ammiraglio di squadriglia Ilques Barbosa Junior e Aeronautica, tenente di brigata Antonio Carlos Moretti Bermudez; oltre al direttore-presidente di Itaguaí Construções Navais (ICN), André Portalis, l’ambasciatore degli Stati Uniti d’America in Brasile, Todd C. Chapman, che si è unito a diverse altre autorità civili e militari, brasiliane e straniere.

André Portalis, dell’ICN, ha messo in guardia nel suo intervento sulla mancanza di una politica di difesa brasiliana chiara e continua, e che ciò potrebbe vanificare tutti i guadagni ottenuti con tali costi dagli attuali programmi militari. “Per mantenere questa sovranità brasiliana, qui nel complesso navale di Itaguaí, con l’ICN, il Brasile ha bisogno di sviluppare una politica di difesa industriale, il che significa sostenere l’attività dei principali partner industriali”, ha detto.

Spicca la partecipazione del sottomarino nucleare USS Vermont (SSN 792), della Marina degli Stati Uniti ( US Navy ), che ha attraccato ieri alla Base sottomarina dell’isola di Madeira (BSIM). 

La moglie del ministro della Difesa, Adelaide Azevedo e Silva, “madrina” di Humaitá, ha condotto la tradizionale cerimonia di rottura della bottiglia di champagne.

La Sig.ra Adelaide Azevedo e Silva, moglie del Ministro della Difesa e “madrina” di Humaitá, al momento del “battesimo” (Immagine: MB)

La Humaitá è la seconda nave della Classe Riachuelo (Progetto S-BR), basata sul modello francese Scorpène . 

Il programma prevede un investimento totale di 37,1 miliardi di R $ e circa 20,8 miliardi di R $ sono già stati utilizzati.


Paulo Roberto Bastos Jr.

Paulo Roberto Bastos Jr. è un ingegnere dell’automazione e ricercatore militare, specialista in veicoli blindati e forze meccanizzate dell’America Latina e dei Caraibi. Da giugno 2020 collabora con Ares Osservatorio Difesa. Per altri suoi articoli su Ares: clicca qui.

Articolo originariamente pubblicato su Tecnologia&Defesa l’11 dicembre 2020: O Humaitá já está no mar


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet