Furto dati alla Leonardo coinvolti nEUROn, C-27J e ATR


Secondo quanto affermato da Reuters il furto di dati subito da Leonardo per colpa di un “talpa” interna avrebbe compromesso i terminali appartenenti a tecnici che lavoravano ad alcuni programmi della società.

Il caso è saltato alla cronaca quando il responsabile del Cyber Emergency Readiness Team (CERT) ed un ex dipendente della sicurezza informatica di Leonardo sono stati raggiunti da misure cautelari nell’ambito della sottrazione, per quasi due anni, di quasi 10 gigabyte di dati.

L’obiettivo dell’attacco informatico è stata la Divisione Aerostrutture e della Divisione Velivoli tra maggio 2015 e gennaio 2017 principalmente nel sito di Pomigliano D’Arco.

Reuters ha potuto visionare il documento di 108 pagine redatto dall’autorità giudiziaria sul caso dove è indicato che gli investigatori hanno le prove della violazione di un computer appartenente ad un tecnico che ha lavorato sul sistema elettronico del drone sperimentale europeo nEUROn guidato dalla Francia.

Altri terminali appartenevano a dipendenti impiegati nella produzione dell’aereo da trasporto militare C-27J e dell’ATR (Aereo Trasporto Regionale) impiegato da utenti civili e militari.

Leonardo ha affidato ad un comunicato stampa la posizione della società affermando che:

In merito agli odierni provvedimenti adottati dalla magistratura di Napoli, Leonardo rende noto che l’inchiesta è scaturita da una denuncia presentata dalla stessa sicurezza aziendale alla quale ne hanno poi fatto seguito altre.

Le misure riguardano un ex collaboratore non dipendente di Leonardo e un dipendente, non dirigente, della società.

L’Azienda, ovviamente parte lesa in questa vicenda, ha fornito fin dall’inizio e continuerà a fornire la massima collaborazione agli inquirenti per fare chiarezza sull’accaduto e a propria tutela.

Si precisa infine che dati classificati ossia strategici sono trattati in aree segregate e quindi prive di connettività e comunque non presenti nel sito di Pomigliano.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet