Dal 1° gennaio la Turchia ha assunto il comando della VJTF NATO


Dal 1° gennaio 2021 la Turchia ha assunto il comando della VTJF o Very High Readiness Joint Task Force della NATO, succedendo alla Polonia.

Ankara fornisce uomini e mezzi della 66a Brigata di Fanteria Meccanizzata che, in vista del impegnativo compito, è stata dotata di mezzi e materiali adeguati. La Brigata turca ha un organico di circa 4.200 uomini ed è dotata di mezzi e dotazioni di munizionamento adeguati agli standard NATO.

La VTJF è una forza di 6.400 uomini che, oltre l’unità turca, comprende anche unità provenienti da Albania, Italia, Lettonia, Montenegro, Polonia, Regno Unito, Romania, Slovacchia, Spagna, Stati Uniti ed Ungheria.

La VTJF è stata istituita nel 2014 in occasione del vertice tenuto in Galles, Regno Unito, in risposta alle mutate esigenze di sicurezza collettiva, comprese la crisi tra Ucraina e Russia e le turbolenze in Medio Oriente. Le unità in ogni Stato membro della NATO operano a rotazione nel VTJF. Negli ultimi tre anni alla guida della VTJF si sono alternate Italia, Germania e Polonia.

La Task Force Congiunta di altissima prontezza rappresenta la punta di lancia della NATO Response Force (NRF) costituita nel 2002, rappresenta un contributo sostanziale alla difesa collettiva. E’ una forza disponibile a muoversi immediatamente per difendere qualsiasi alleato da qualsiasi minaccia, al fine di bloccare sul nascere ogni potenziale minaccia e inviare un messaggio chiaro ed inequivocabile ai potenziali aggressori.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet