Tre satelliti “anti-missile” di Lockheed Martin per 4,9 miliardi di dollari


Lockheed Martin ha ricevuto un contratto dal valore di 4,9 miliardi di dollari per la costruzione di tre satelliti nell’ambito del programma Next-Generation Overhead Persistent Infrared (NG-OPIR) specializzati nel rilevare il lancio di missili balistici o tattici in qualsiasi parte del pianeta.

I nuovi satelliti saranno operati dall’United States Space Force e affiancheranno quelli della costellazione SBIRS (Space Based Infrared System)

Il cuore del sistema è rappresentato da avanzati sensori ad infrarossi superiori a quelli installati sui SBIRS.

L’importanza di questi satelliti è determinante dato che oltre ad informare gli alti comandi di Washington dell’eventuale lancio di missili balistici o tattici forniscono importanti dati sulla traiettoria e sulla tipologia di missile in modo da predisporre, se necessario, le difese antimissile necessarie.

I tre satelliti di Lockheed Martin verranno posizionati in orbita geosincrona mentre altri due satelliti, prodotti da Northrop Grumman, in orbita polare.

Lo Space and Missile Systems Center aveva assegnato a LM un contratto da 2,9 miliardi di dollari per lo sviluppo dei tre satelliti nel 2018.

Il nuovo sistema dovrà essere dispiegato entro il 2029.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet