Consegnata la seconda fregata della classe Jose Rizal alla Marina filippina


La Marina filippina riceve la seconda fregata della classe Jose Rizal, la BRP Antonio Luna (FF151), presso il porto di Ulsan dove è stata costruita dalla Hyundai Heavy Industries.

L’unità salperà ad inizio febbraio per giungere la base navale di Subic nella regione del Luzon Centrale che ha ospitato fino al 1992 la più grande installazione militare “oltremare” degli Stati Uniti dopo l’aeroporto di Clark (chiuso nel 1991).

La capoclasse BRP Jose Rizal è stata varata nel maggio 2019 ed è entrata in servizio il 10 luglio 2020.

Diversamente dalla prima versione proposta alle Filippine la maggior parte dei sistemi francesi Thales/Safran è stata sostituita con equivalenti sudcoreani,statunitensi, tedeschi e italiani.

BRP Jose Rizal (FF 150)
(U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 1st Class Rawad Madanat)

A prua troviamo il cannone 76/62 Super Rapido con un radar di controllo del tiro Leonardo NA-25X ed a poppa una torretta a controllo remoto da 30 mm SMASH della turca Aselsan.

Per quanto riguarda la dotazione missilistica essa è per ora limitata a quattro missili anti-nave C-Star di LIGNex1 e due lanciatori per Simbad-RC a corto-cortissimo raggio contro bersagli aerei. La nave è predisposta per installare un VLS da otto celle.

E’ presente un sonar a scafo Harris Model 997 (predisposizione anche per cortina trainata) e due lanciatori tripli di siluri leggeri K745 Blue Shark.

Il radar principale è il TRS-3D (D) in banda C della Hensoldt e quello di navigazione è lo SharpEye della Kelvin Hughes.

Le comunicazioni satellitari sono assicurate dal sistema Link K della Hanwha con predisposizione per Link 16 e Link 22

Il sistema di combattimento è il Naval Shield sviluppato in modo indigeno dalla sudcoreana Hanwha.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet