Argentina nega l’attracco a cutter della Guardia Costiera americana


Il nuovo cutter USCG Stone dell’United States Coast Guard dovrà saltare la sosta in Argentina durante il suo primo viaggio inaugurale verso i freddi mari antartici a causa del rifiuto di Buenos Aires di concedere l’autorizzazione all’attracco.

L’unità avrebbe dovuta arrivare a Mar del Plata nel corso di febbraio nell’ambito dell’Operazione Cruz del Sur mirata al contrasto delle attività di pesca illegale.

L’ambasciata statunitense nel paese sudamericano si è limitata a dire che la sosta non avverrà per problemi di natura logistica.

La nave statunitense ha già fatto scalo nella Guyana francese, Brasile e Uruguay.

La pesca illegale è un problema molto grave dato che non solo priva coloro i quali sono legalmente autorizzati a pescare della materia prima ma essendo completamente illegale può arrecare danni irreversibili all’ecosistema marino tanto da mettere in pericolo l’esistenza di diverse specie marine tra cui il moro oceanico o austromerluzzo della Patagonia.

USCG Stone

La USCG Stone (National Security Cutter 9 o WMSL-758) è un cutter della classe Legend con un dislocamento di 4.500 tonnellate, una lunghezza di 127 metri ed una larghezza di 16 metri.

E’ stato varato dai cantieri Ingalls in Mississippi il 4 ottobre 2019 arrivando ufficialmente tra le fila della Guardia Costiera il 10 novembre 2020.

L’11 gennaio 2021 durante la sua prima missione di pattugliamento nei Caraibi ha intercettato un’imbarcazione che trasportava 970 kg di cocaina.

Coast Guard Cutter Midgett (WMSL 757), right, meets Coast Guard Cutter Kimball (WMSL 756) off Diamond Head Aug. 16, 2019 while a C-130 Hercules aircraft from Air Station Barbers Point flies between them.
U.S. Coast Guard photo by Chief Petty Officer John Masson.

E’ motorizzato da due motori diesel MTU 20V 1163 da 9.900 hp ciascuno e da una turbina a gas LM2500 da 30.000 hp in configurazione CODAG che gli consentono di raggiungere una velocità massima di oltre 28 nodi. L’autonomia si attesta a 22.000 km.

L’armamento si compone di un cannone MK 110 da 57 mm accoppiato ad un radar di tiro SPQ-9B, un Phalanx Block 1B Baseline 2, quattro mitragliatrici Browning M2 da 12,7 mm e due M240B da 7,62 mm.

Il radar principale è il TRS-3D (AN/SPS-75) multifunzione 3D in banda G con una portata strumentale di circa 200 km. Può seguire fino a 750 bersagli a 360° ed è stato sviluppato con particolare attenzione ad applicazioni su unità che svolgono operazioni costiere. Il radar di navigazione è il Furno X.

Il sistema di combattimento è il SeaCommander di Lockheed Martin derivato dall’AEGIS.

Presente a bordo anche il sistema di guerra elettronica AN/SLQ-32B(V)2 e due lanciatori di inganni SBROC oppure NULKA.

Il ponte di volo e l’hangar possono ospitare un elicottero MH-65C Dolphin e due droni Boeing Insitu ScanEagle.

L’unità è intitolata a Elmer “Archie” Fowler Stone uno dei due piloti della Guardia Costiera nel 1919 che hanno condotto il primo volo volo transatlantico.

Immagine di copertina (repertorio): The crew of the Coast Guard Cutter Kimball (WMSL 756) tranists past Dimond Head on Oahu, Hawaii, Aug. 16, 2019. The Kimball is one of the Coast Guard’s new national security cutters and can preform multiple missions including homeland security and defense. (U.S. Coast Guard photo by Petty Officer 3rd Class Matthew West/Released)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet