Consegnato l’ARA Piedrabuena all’Armada Argentina


Naval Group ha consegnato l’ARA Piedrabuena, seconda nave pattuglia d’altura argentina, alla Armada Argentina.

Immagine

Di nuova costruzione, questo secondo pattugliatore d’altura argentino della serie, offre gli stessi mezzi e caratteristiche del primo, l’ARA Bouchard, già L’Adroit, una nave costruita per iniziativa privata dall’allora DCNS, oggi Naval Group, successivamente affittata dalla Marine Nationale per sei anni, con alcune delle sue caratteristiche sono state migliorate e potenziate per soddisfare le esigenze della Armada Argentina.

Rispetto all’ARA Bouchard, l’ARA Piedrabuena è dotato di un armamento migliorato, con apparato motore più potente. di un sistema di stabilizzazione attivo e di un propulsore di prua. È stato riprogettato per fronteggiare il ghiaccio e, quindi, adattato alla navigazione nelle acque fredde tipiche del sud dell’Argentina nell’area Antartica ed è pensato per un’ottima tenuta al mare.

I nuovi pattugliatori oceanici dell’Armada Argentina beneficiano delle soluzioni sviluppate da Naval Group e testate operativamente dalla Marine Nationale; infatti, sono equipaggiati con il sistema di comabattimento Polaris ® ed il NiDl ® sistema di collegamento dati tattico. Dispongono di una visibilità a 360 ° dal ponte e di un albero unico per una copertura del sensore panoramico. Sono dotati di radar Terma Scanter 6002 per la ricerca di superficie che opera in banda I, radar Terma Scanter 4102 per la ricerca aerea e di superficie in banda I, un sistema multisensore SAGEM EOMS per la sorveglianza ed il rilevamento di movimenti sospetti, un sistema ESM/COMINT Thales Altesse & Vigile LW e un sistema lancia chaff/decoys Sylena di Lacroix Defense & Security.

I pattugliatori d’altura argentini possono anche posare in mare in modalità covert in meno di cinque minuti di tempo imbarcazioni veloci per le forze speciali grazie ad un ingegnoso sistema di rampa disposto a prua del pattugliatore.

Caratteristiche dell’ARA Piedrabuena

L’ARA Piedrabuena ha un dislocamento di 1.450 tonnellate, lunghezza 87 metri, larghezza 11 metri e pescaggio di 3,3 metri. L’equipaggio è di 30 uomini; altri 30 uomini possono essere imbarcati per missioni di vario tipo.

Immagine

Ha un impianto propulsivo su due motori diesel da 7.500 hp che spingono la nave ad una velocità massima di 21 nodi con autonomia di 8.000 miglia nautiche a 12 nodi, o 30 giorni operativi.

L’armamento è costituito da un sistema Leonardo MARLIN WS 30 da 30 mm ed un paio di mitragliatrici pesanti calibro 12,7 mm.

L’OPV è dotato di ponte di volo e di hangar per un elicottero classe 5 tonnellate; dal ponte di volo può operare anche un elicottero classe 10 tonnellate ma non può essere ricoverato nel hangar. Sono presenti due RHIB da 9 metri impiegabili anche per le operazioni di infiltrazione delle Forze Speciali.

Fonte e foto Naval Group


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet