I Predator dell’Aeronautica Militare hanno raggiunto le 55.000 ore di volo


Nel anno 2020 i velivoli MQ-1C Predator A+ e MQ-9A Predator B in servizio con l’Aeronautica Militare hanno volato 7.100 ore, portando il totale di ore volate a ben 55.000.

MQ1C Predator A in volo

L’anno 2020 rappresenta anche il massimo annuale delle ore volate dalle linee MQ-1e MQ-9 dell’Aeronautica Militare.

Gli MQ-1C e gli MQ-9A operano con il 28° Gruppo del 32° Stormo di Amendola dotato anche di cacciabombardieri di quinta generazione Lockheed Martin F-35A CTOL (Conventional Take-Off and Landing) e F-35B STOVL (Short Take-Off and Vertical Landing), con il 61° Gruppo che opera con gli MQ1-C da Sigonella (Catania) e con il Task Group “Araba Fenice” che opera con gli MQ-9A fuori dal territorio nazionale.

Il 32° Stormo dipende dal Comando Squadra Aerea di Roma, per il tramite del Comando Forze da Combattimento di Milano.

MQ-9A Predator B in volo

Predator e Reaper sono stati largamente impiegati in Italia e all’Estero per esigenze istituzionali, a supporto di altri Dicasteri, per esigenze NATO e nell’ambito della Coalizione contro lo Stato Islamico (ISIS).

Grazie alle sofisticate suite elettro-ottica installata gli MQ-1C e MQ-9A sono in grado di svolgere le missioni ISR (Intelligence, Surveillance and Reconnaissance), preziosissime per l’acquisizione di informazioni aggiornate.

Inoltre, in ambito nazionale e di coalizione, gli UAV o APR (Aeromobili a Pilotaggio Remoto) MQ-1C e MQ-9A svolgono anche la delicata missione ISTAR (Intelligence Surveillance Target Acquisition Recoinnissance) a favore dei velivoli italiani ed alleati.

Entrambi i velivoli sono prodotti dalla General Atomics Aeronautical Systems.

Gli MQ-1C Predator A+ hanno un’apertura alare di 14,8 metri, una lunghezza di 8,2 metri, altezza di 1,82 metri, e raggiungono una velocità di crociera di 135-160 km/h, tangenza operativa di 7800 m. L’ autonomia è di 24 ore on station a 926 km dalla base di partenza con peso massimo al decollo di 952 kg. Sono dotati di un un motore Rotax 912 a quattro cilindri ed hanno un carico utile pari 204 kg (sensori elettro-ottici, radar ad apertura sintetica).

Gli MQ-9A Predator B hanno un’apertura alare di 20,1 metri, lunghezza di1 0,8 metri, altezza di 3,8 metri e raggiungono una velocità massima di 445 Km/h grazie ad un impianto propulsivo Turbo Prop da 900 HP.

Fonte e foto Aeronautica Militare-32° Stormo

                                 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet