La portaerei brasiliana São Paulo in Turchia per la demolizione


La São Paulo, unica portaerei della Marinha Brasileira, ormai fuori servizio è stata venduta per la demolizione ad un cantiere specializzato in Turchia.

Fu acquistata nel 2000 dalla Francia, dove è stata in servizio con la Marine Nationale come Foch dal 1963 al 1999, al costo di 42 milioni di dollari, comprensivi di un ciclo di manutenzione eseguito a Brest.

La São Paulo era destinata a sostituire l’antica portaerei Minas Gerais (A-11), classe Colossus, già Royal Navy e Royal Australian Navy, entrata in servizio con la Marinha do Brasil nel 1960 e radiata nel 2001.

Il ciclo operativo della São Paulo è stato relativamente modesto dal 2001 al 2017 anno in cui è stata radiata. L’operatività della portaerei è stata scarsa dopo i primi tre anni di servizio.

Nel 2005 un violento incendio ha costretto a portare la nave ai lavori che sono terminati nel 2009. Nonostante, la revisione dell’impianto motore , tubazioni, catapulte e l’installazione di un nuovo sistema di comando e controllo, la São Paulo ha continuato a registrare tassi di efficienza molto bassi.

Pertanto, la Marinha ha deciso di sottoporre nel 2015 la nave ad un nuovo ciclo di ammodernamento, una vera e propria ricostruzione, ma nel 2017 il piano è stato abbandonato per i costi eccessivi. Conseguentemente, la nave è stata definitivamente messa fuori linea e radiata.

Il ruolo di “ammiraglia” della flotta brasiliana è stato assunto nel 2019 dalla portaelicotteri Atlãntico, già HMS Ocean della Royal Navy dove servì per circa venti anni come portaelicotteri d’assalto anfibio.

Come la Principe de Asturias spagnola e le Illustrious britanniche anche la São Paulo raggiungerà la Turchia come triste ultima meta per la demolizione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet