La Danimarca acquista i missili Spike LR 2


Nell’ambito della costruzione della 1 ° Brigata e del battaglione di fanteria leggera della 2 ° Brigata, l’Agenzia per i materiali e gli acquisti (FMI) del Ministero della Difesa acquista il sistema missilistico anticarro (PVMS) SPIKE LR 2 da Eurospike per le unità di ricognizione e fanteria. 

Nuovo sistema missilistico anticarro

L’acquisizione totale di PVMS sarà completata nel periodo 2021-2025 e comprende unità di lancio di comando (sistemi di tiro), apparecchiature di addestramento e simulazione, una serie di missili anticarro e preparazione per l’integrazione sul nuovo sistema di armi stabilizzate (STAVS).

Il sistema SPIKE LR 2 è un sistema missilistico anticarro di quinta generazione del 2018, che garantirà che l’esercito possa contrastare veicoli corazzati medi e pesanti, posizioni di combattimento fortificate, a medie distanze.

Flessibilità di impiego

Il sistema SPIKE LR 2 offre l’opportunità di raggiungere un obiettivo fino a circa 5500 metri utilizzando metodi di tiro diretto o indiretto (non in linea di vista). Quest’ultimo consente al tiratore di ingaggiare bersagli sull’altro lato di colline, foreste e altri oggetti del terreno. Il tiratore può scegliere se il missile debba usare un attacco dall’alto o un angolo di attacco diretto. Ciò conferisce alle unità una grande flessibilità operativa e potenza sul campo di battaglia.

Il PVMS sarà impiegato dalle unità danesi sia in configurazione montata che a terra, con esattamente le stesse specifiche tecniche. Il PVMS sarà installato sul nuovo STAVS KONGSBERG PROTECTOR, acquistato sia per i veicoli Eagle 5 che per Piranha 5.

Programma d’acquisto via NSPA

È stato deciso di acquistare PVMS attraverso un accordo quadro esistente con la NATO Support and Procurement Agency (NSPA), il che significa consegna rapida, buon prezzo e grande sicurezza dell’approvvigionamento per tutti i Paesi partecipanti, compresa la Danimarca. Un totale di 14 paesi NATO utilizzano già i sistemi SPIKE LR o LR 2, che sono compatibili tra loro, inclusi i Paesi Baltici, i Paesi Bassi, la Germania, la Polonia, la Spagna, l’Italia eD altri. Ciò significa che le forze danesi in futuri schieramenti all’interno e all’esterno dell’Europa potranno operare insieme agli Alleati con lo stesso sistema e attingere a scorte / logistica comuni. Ciò può valere anche per ulteriori dispiegamenti in altre operazioni nelle aree di interesse della NATO.

Fonte e foto Forsvarsministeriets Materiel- og Indkøbsstyrelse (FMI) 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet