mercoledì, Giugno 16, 2021

Il Boeing MQ-25 T1 vola la prima volta con il sistema di rifornimento in volo ARS

I voli in corso consentono lo sviluppo di componenti software ed il collaudo dell’hardware del sistema di rifornimento in volo che lo MQ-25 utilizzerà operativamente con l’U.S. Navy.

Immagine

Boeing e la U.S. Navy hanno provato in volo per la prima volta il velivolo di sviluppo MQ-25 T1 con un sistema di rifornimento aereo (ARS), una pietra miliare significativa nello sviluppo del rifornimento aereo con velivoli senza equipaggio.

Il volo completato con successo è stato di 2,5 ore; lo MQ-25T1 ha impiegato il Cobham ARS – lo stesso ARS attualmente in uso agli F/A-18 Super Hornet per il rifornimento aria-aria – è stato progettato per testare l’aerodinamica dell’aereo con l’ARS montato sotto l’ala. Detto volo è stato condotto da piloti collaudatori della Boeing che operavano da una stazione di controllo a terra presso l’aeroporto MidAmerica St. Louis di Mascoutah, Ill.

Immagine

Il lavoro di sviluppo compiuto con lo MQ-25 T1 è fondamentale perché permette di acquisire preziose informazioni in vista dei voli con i Super Hornet e dei test di gestione sul ponte di volo delle portaerei.

I voli futuri continueranno a testare l’aerodinamica dell’aereo e dell’ARS in vari punti dell’inviluppo di volo, progredendo, infine, verso l’estensione e la retrazione del tubo e della drogue utilizzati per il rifornimento in volo.

Il velivolo di sviluppo T1 è di proprietà di Boeing ed è impiegato per la raccolta di informazioni necessarie a passare rapidamente allo sviluppo e al test del definitivo MQ-25. Dopo il suo primo volo compiuto l’anno scorso, il velivolo T1 ha accumulato circa 30 ore in aria prima della modifica pianificata per installare il sistema di rifornimento ARS.

IL PROGRAMMA MQ-25

All’inizio di quest’anno, l’U.S. Navy ha esercitato un’opzione per altri tre velivoli MQ-25, portando a sette il totale dei velivoli che, attualmente, Boeing ha in produzione. I piani dell’U.S. Navy prevedono un primo acquisto di 72 MQ-25, che assumeranno il ruolo di rifornitore in volo attualmente svolto dagli F/A-18 E/F, consentendo così un migliore utilizzo dei Super Hornet in missioni operative di combattimento.

Peraltro, l’U.S. Navy ha già dichiarato che la piattaforma MQ-25 in via di sviluppo si presta ad assumere anche altri ruoli, tra cui piattaforma ISR imbarcata, ed è altamente probabile che saranno acquistati altri lotti di questo aereo a pilotaggio remoto per far fronte a queste nuove missioni.

Fonte e foto Boeing

Altri articoli

Consegnato da Leonardo alla US Navy il primo TH-37A

Lo stabilimento di Leonardo a Filadelfia negli Stati Uniti ha consegnato alla US Navy il primo elicottero da addestramento TH-73A. Il fabbisogno totale della US...

Viaggio di 7.115 km per la Nomad dell’US Navy, 98% in “automatico”

La nave a controllo autonomo "Nomad", parte della "Ghost Fleet" dell'US Navy, ha completato un viaggio lungo 7.115 chilometri di cui il 98% si...

Al cantiere T. Mariotti di Genova la costruzione della nuova unità di supporto alle operazioni subacquee della Marina Militare

La Direzione degli Armamenti Navali (NAVARM), Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti (SGD/DNA) ha assegnato la gara bandita nel interesse della...

Condividi l'articolo

Ultime notizie

Prossimo il lancio del satellite GPS III “Neil Armstrong”

Il prossimo 17 giugno , la United States Space Force (USSF) lancerà il quinto satellite...

Concluse le operazioni di riposizionamento delle ancore monumentali della porta principale dell’Arsenale Militare Marittima di La Spezia

Nella mattinata di sabato 12 giugno si sono concluse le operazioni di riposizionamento delle due...

L’IVECO Guarani termina la prima fase di prove in Argentina [Foto]

Il 25 maggio, l'Esercito Brasiliano (EB) ha consegnato , in prestito, un veicolo blindato trasporto personale –...