Prossima la IOC per gli F-35A olandesi


Nel corso dell’anno corrente, la Reale Aeronautica dei Paesi Bassi o Koninklijke Luchtmacht dichiarerà raggiunta la IOC o Capacità Operativa Iniziale per i suoi primi cacciabombardieri Lockheed Martin F-35A Lightning II.

Beide Nederlandse F-35's tijdens overtocht vanuit de VS naar Nederland.

Come noto, i Paesi Bassi hanno ordinato in un primo tempo trentasette F-35A; successivamente, anche per far fronte alle maggiori richieste in ambito NATO, è stato posto un nuovo ordine per altri nove velivoli.

I Paesi Bassi ricevono parte degli F-35A dalla FACO di Cameri, mentre i primi piloti e tecnici svolgono i relativi corsi di addestramento ed ambientamento sulla nuova macchina negli Stati Uniti.

Al momento sono disponibili otto F-35A nei Paesi Bassi (l’ultimo giunto dall’Italia è l’esemplare con matricola F-016) ed altri otto velivoli sono stanziati negli Stati Uniti.

L’importante traguardo prossimo ad essere raggiunto incrementa le capacità operative della Koninklijke Luchtmacht che, in ambito NATO, affiancherà l’USAF, l’AM (che gestisce anche la versione B) e la Kongelige Norske Luftforsvaret nell’impiego di questa versione del Joint Strike Fighter, in attesa della Danimarca, del Belgio e della Polonia prossime a ricevere i primi velivoli, mentre la Gran Bretagna impiega esclusivamente la versione B del F-35.

Gli F-35A di quinta generazione rimpiazzano progressivamente i cacciabombardieri Lockheed Martin (General Dynamics) F-16A/B MLU entrati in servizio nei primi anni ottanta del passato secolo ed ormai giunti al termine della vita operativa, nonostante gli ammodernamenti ricevuti nel corso dei tre decenni trascorsi.

Foto Koninklijke Luchtmacht


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet