Stop dell’U.S. Navy alla consegna delle LCS classe Freedom


L’U.S. Navy ha sospeso le consegne delle unità della classe Freedom fino quando i problemi legati alla trasmissione non verranno definitivamente risolti.

La trasmissione, della tedesca RENK AG, ha mostrato evidenti limiti che hanno recentemente costretto l’USS Detroit a ritornare dal Sud America per riparazioni.

This image has an empty alt attribute; its file name is image-112.png

Nello specifico il punto debole è il “combining gear” che accoppia le due turbine Rolls Royce MT-30 ed i motori diesel Colt-Pielstick con gli idrogetti della nave.

La Lockheed Martin e la RENK AG stanno studiando la soluzione insieme ma l’eventuale installazione impiegherà comunque diversi mesi su ogni nave.

Quando il “combining gear” subisce un malfunzionamento la velocità della nave viene pesantemente limitata a 10 nodi ma nel peggiore dei casi può avvenire la perdita totale della propulsione.

Un sistema “modificato” verrà prima testato presso la RENK AG per poi passare ad una nuova LCS per effettuare le prove di valutazione. Una volte che la Marina avrà dato l’ok sarà possibile stilare il programma ed il costo che, secondo la Navy, dovrà essere sostenuto della Lockheed Martin.

Nel 2015 la USS Milwaukee, durante il suo viaggio “inaugurale”, ha avuto un problema simile con la perdita totale della propulsione. La nave è stata dunque rimorchiata in Virginia.

Nel 2016 anche la USS Montgomery e la USS Coronado, della classe sorella Independence, hanno avuto problemi.

Dismissione per le prime quattro

LCS
(Feb. 27, 2019) U.S. Navy photo by Chief Mass Communication Specialist Shannon Renfroe/Released)

Il Capo delle Operazioni Navali della U.S. Navy, Ammiraglio Michael Gilday, ha affermato che la decisione di ritirare dal servizio quattro Littoral Combat Ship consentirebbe di risparmiare ben 2 miliardi di dollari.

La nave più vecchia del programma LCS, diviso tra le classi Freedom e Independence, ha appena dodici anni ma i lavori per portare le prime unità agli standard delle ultime sono appunto troppo costosi.

Le navi coinvolte sarebbero le prime due della classe Freedom cioè la USS Freedom e la USS Fort Worth e le prime due della classe Independence cioè la USS Independence e la USS Coronado (che è entrata in servizio appena sette anni fa, nel 2013).


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close

Non perderti news e approfondimenti più recenti nel campo della Difesa e non solo...

Visit Us
Follow Me
Tweet